22 febbraio 2020
Aggiornato 21:30
Castelli Aperti nel weekend

Ma che “bel castello”, la top-10 delle fortezze

Trivago ha stilato la classifica delle dieci fortezze italiane più visitate e apprezzate del network

MILANO - I castelli non sono solo nell’immaginario dei bambini, sono il simbolo della città stessa. Molto apprezzati anche dagli adulti, sono sempre più i turisti che scelgono un Tour dei castelli, piuttosto che una precisa destinazione dove trascorrere le vacanze. In occasione dell’iniziativa di questo fine settimana «Castelli Aperti», nell’ambito della Settimana della Cultura, il network di recensioni turistiche e compara prezzi hotel, www.trivago.it, ha voluto stilare la classifica dei castelli più cliccati e apprezzati dai visitatori web sul network. Il castello che ha fatto più parlare di sé è il Castello di Miramare a Trieste, seguono Castel Del Monte ad Andria e quello Dei Conti Guidi a Poppi. Roma presente con Castel Sant’Angelo, assieme a Milano con Castel Sforzesco.

Ecco la classifica Top-10 Italia:

1 - Castello Miramare - Trieste - Per chi percorre la Costiera verso Trieste, le »bianche torri» del castello Miramare che svettano dal Promontorio Grignano, segnano l’avvicinarsi al Capoluogo Friulano. Il castello, costruito nel 1855 dal viennese Carl Juncker per volontà dell’Arciduca Massimiliano d’Asburgo avrebbe dovuto seguire uno stile eclettico secondo i canoni dell’epoca e celebrare la sua potenza: il castello conserva tutt’oggi, per la sua fusione di stili, un unicum di stile e fascino. Lo circonda un parco di 22 ettari rinomato per la varietà di esemplari botanici.

2 - Castel del Monte - Andria - Castel del Monte é forse il castello più misterioso d’Europa : la sua geometria perfetta in pianta ottagonale e il ripetersi, quasi ossessivo della sua architettura a otto lati, l’hanno reso nel corso dei secoli oggetto di studio non solo per gli storici, ma anche argomento trattato da scienze religiose, mistiche ed esoteriche. Le origini di Castel del Monte risalgono al 1240 quando l’Imperatore Federico II di Svevia ordinò a Riccardo da Montefuscolo, Giustiziere di Capitanata, di predisporre tutto il necessario per l’edificazione di un nuovo castello. L’edificio fa parte del sistema dei Castelli federiciani sparsi nella Penisola, una serie di avamposti che l’imperatore volle edificare per controllare e preservare il territorio.

3 - Castello dei Conti Guidi - Poppi (Arezzo) - Il Castello dei Conti Guidi spicca sulla parte più alta del borgo medievale di Poppi, in provincia di Arezzo. Nel 1289 il castello fu teatro di scontro tra le truppe guelfe e quelle ghibelline a cui prese parte anche Dante Alighieri sotto le effigie papaline. Il Castello si erge su un colle che domina la valle del Casentino, e conserva ancora il prestigio e il potere di un tempo ospitando presso le proprie sale gli uffici del Comune di Poppi. Costruito tra intorno al XII secolo, diversi sono stati gli artisti che ne hanno preso parte alla sua realizzazione, tra questi : Lapo e Arnolfo di Cambio.

4 - Castello Sforzesco - Milano - Uno dei simboli di Milano, assieme al Duomo, il Castello Sforzesco colpisce per la varietà di stili che ha ereditato nel corso di tutte le conquiste che hanno segnato la storia della città di Milano nel corso dei secoli. Prevalentemente in stile rinascimentale, le origini del Castello Sforzesco risalgono però al 1450 quando Francesco Sforza entrò a Milano come nuovo signore della città e ordinò la riedificazione dell’antico castello visconteo ormai demolito. Molteplici furono gli artisti che furono chiamati ad apportare delle modifiche agli interni ed agli esterni, fra tutti Filarete, Donato Bramante e il grande Leonardo da Vinci.

5 - Castel Sant’Angelo - Roma - Castel Sant’Angelo è uno dei pochi monumenti della Roma Antica preservato dalla demolizione integrale durante i secoli. Sede carceraria per diversi secoli, é oggi una sede museale a tutti gli effetti. Edificato intorno al 123 d.C. come Mausoleo dell’Imperatore Adriano. Il nome attuale deriva dalla visione da parte del Pontefice Gregorio I in cima dell’allora Mole Adriana dell’Arcangelo Gabriele che annunciava la fine della spaventosa peste del 590. Castel Sant’Angelo lega il suo nome a quello dei Pontefici a partire dal 1367 quando Urbano V ne fa una struttura fortificata e carcere. Prigioni che ebbero ospiti illustri come Benvenuto Cellini o il Cardinale Orsini.

6 - Castel Monteriggioni (Siena) - Nel cuore del Chianti sorge la corona muraria più famosa, «il Castello di Monteriggioni» : il profilo coronato delle sue torri divenne il simbolo della corona, nello stemma d’Italia, a sigillo della inespugnabilità. La sua cinta muraria torrita circonda l’omonimo borgo sulla collina di Punta Ala per un diametro di 172 mt. Il castello venne voluto dalla Repubblica di Siena e fortificato agli inizi del XIII per difendere il territorio, resistendo ben 300 anni allo scontro tra senesi e fiorentini e cadendo poi in mano a questi ultimi per tradimento.

7 - Rocca Borromeo, Angera (Varese) - Un castello fiabesco che appare d’improvviso tra le sponde del Lago Maggiore. La Rocca Borromeo di Angera piace per il suo impatto e per la sua vicinanza con il lago. Nasce originariamente con l’intento di controllare i traffici commerciali sul lago e dall’assemblaggio di costruzioni fortificata nel corso di oltre mezzo millennio, dall’XI secolo al XVII. E’ oggi la costruzione medievale meglio conservata in Lombardia e centro didattico di prestigio: di recente è stato aperto un giardino in pianta medievale che segue fedelmente i codici dell’epoca. La Rocca ospita anche la più importante collezione italiana di bambole e giocattoli in un Museo.

8 - Castel Sant’Angelo , Taranto - E’ uno dei pochissimi castelli medievali con ponte girevole al mondo, il castello è simbolo della città di Taranto, la «citta’ dei due mari». La Fortezza svetta proprio su una posizione unica, a divisione del Mare Grande e del Mar Piccolo. Costruito sui resti di una vecchia rocca di origini bizantine del 916 ed eretto nel XV secolo su commissione di Ferdinando di Aragona.
Superato il ponte d’ingresso, si possono ammirare i due torrioni principali, San Cristofalo e San Lorenzo. Quest’ultimo, con la sua merlatura, ammirabile dall’interno, è uno dei pezzi forti e più apprezzati della visita al castello.

9 - Castello Scaligero, Sirmione (Brescia) - Il Castello Scaligero sorge sul punto più stretto della penisola Sirmione, importante centro turistico e termale che si affaccia sul Lago di Garda, tra i golfi di Peschiera e Desenzano. Cittadina famosa per aver dato i natali al poeta Catullo. Costuito nel XIII secolo dalla famiglia più importante dell’epoca, gli Scaligeri, doveva essere base per la difesa e controllo del Lago. Il Castello Scaligero colpisce per la sua torre pentagonale di 31 mt. che gli danno un aspetto fiabesco e per il complicato sistema di ponti levatoi e di saracinesche che sono rimaste completamente integri. Altra caratteristica del Castello, la darsena, è usata tutt’oggi come attivo porticciolo.

10 - Castello di Gradara - Gradara (Pesaro - Urbino) - Al confine tra Marche e Romagna, a 142 mt. sul livello del mare, sorge la roccaforte di Gradara, qui si susseguirono e vi abitarono le famiglie più importanti: i Malatesta, i Borgia e i Medici. Ma Gradara lega la sua fortuna alla legenda che vuole che la Rocca abbia fatto da sfondo alla storia di amore tra Paolo e Francesca descritta da Dante Alighieri nel V Canto dell’Inferno. Il Castello risale al XII secolo. Dalle sue torri quadrate si scorgono a breve distanza San Marino e la Riviera Adriatica.

La classifica Top-10 Castelli d’Italia e’ stata realizzata incrociando il fattore popolarita’ (monumenti più visitati sul network trivago, 21 portali) e gradimento (media recensioni) su un database di 400 Castelli.