18 gennaio 2020
Aggiornato 04:30
Economia. Editoria

Merkel: «Bisogna difendere copyright da internet»

A vigilia della Fiera del Libro di Francoforte, la Cancelliara tedesca prende posizione contro Google Books

BERLINO - Il cancelliere tedesco Angela Merker, alla vigilia della Fiera del Libro di Francoforte che si aprirà martedì, ha preso posizione a difesa del diritto d'autore nell'editoria.

Nel suo discorso televisivo del sabato la Merkel, alludendo al progetto di biblioteca online Google Books, ha detto che da Internet vengono «significativi pericoli» per il diritto d'autore. E ha aggiunto che «per il governo tedesco è chiaro che bisogna trovare il modo di tutelare il diritto d'autore anche su internet».

Un giudice federale di New York, due giorni fa, ha dato a Google e editori tempo sino al 9 novembre per ridefinire i termini dell'accordo che permette al gruppo internet di digitalizzare milioni di libri nell'ambito del suo progetto di biblioteca informatica Goole Books.

Il compromesso raggiunto nell'ottobre 2008 fra Google e i sindacati americani sulle modalità di sfruttamento negli Stati Uniti dei libri digitalizzati prevede che il gigante di internet ottenga il 37% dei benefici legati ai titoli pubblicati online contro il 63% agli autori e agli editori.

Google ha previsto 125 milioni di dollari (87 milioni di euro) per remunerare gli autori le cui opere sono state digitalizzate senza autorizzazione.

Oltre ai governi francese e tedesco, Microsoft, Amazon e Yahoo!, una miriade di organizzazioni americane e europee hanno fatto ricorso contro il progetto di Google. Anche la federazione italiana editori si è pronunciata contro l'accordo.