26 gennaio 2020
Aggiornato 18:30
Polemiche sul divorzio dal gruppo satellitare

Garimberti: «Auspicabile chiarimento da dg su vicenda Sky»

Presidente boccia Paragone, vota vice Tg1 e si astiene su Raiuno

ROMA - Il direttore generale Mauro Masi chiarisca, anche alla luce delle polemiche che ci sono state sul caso Sky, le ragioni del divorzio dal gruppo satellitare. E' la richiesta formulata, in conclusione del Cda, dal presidente della Rai Paolo Garimberti.

Secondo quanto si apprende, il presidente avrebbe auspicato «un chiarimento complessivo della posizione della Rai da parte del dg».

Quanto alle nomine varate oggi dal Cda 'orfano' dei due consiglieri di centrosinistra, Garimberti avrebbe dato voto favorevole ai vicedirettori del Tg1, si sarebbe astenuto sui vice di Mauro Mazza a Raiuno e avrebbe votato contro la nomina di Gianluigi Paragone in coerenza con i principi enunciati lunedì scorso: «meno che mai - annunciava il presidente -, voterò per l'assunzione di 'vicedirettori' esterni perché sono convinto che in Rai vi siano fior di professionisti in grado di svolgere egregiamente questo ruolo. Si tratta, inoltre, in un momento di crisi economica dell'Azienda, di un gesto che giudico di necessaria responsabilità anche sul versante economico».