27 maggio 2024
Aggiornato 06:00
Lo decreta il volume dell’AIP - Associazione italiana della produzione

Strada del Franciacorta, una rete d’impresa vincente

Esempio significativo di impresa che ha saputo discostarsi dal modello di business tradizionale riuscendo a fronteggiare la crisi con successo

La capacità delle imprese di «fare rete», il coordinarsi in vario modo per raggiungere una determinata finalità come importanza strategica a lungo termine, ma anche come tattica per l'immediato: questa una delle caratteristiche vincenti della Strada del Franciacorta, esempio significativo di impresa che ha saputo discostarsi dal modello di business tradizionale riuscendo a fronteggiare la crisi con successo.

Lo decreta la recente ricerca «Reti di impresa oltre i distretti», realizzata dall'Aip (Associazione italiana della produzione) in collaborazione con la Camera di commercio di Milano, che ha censito e mappato 90 casi di network nazionali nei quali rientrano non solo imprese ma anche istituzioni pubbliche, associazioni e fondazioni, suddivisi in nove tipologie: reti baricentriche; reti orizzontali di condivisione; reti professionali; reti associative; reti distrettuali estese; reti territoriali; reti per l'innovazione; reti epistemiche e culturali; reti generatrici di eventi.

L'Associazione Strada del Vino Franciacorta - una delle 27 realtà lombarde censite - è presentata come rete di tipo epistemico e culturale che promuove il turismo legato all'eno-gastronomia. Nata nel 2000, punta infatti sull’iniziativa congiunta di operatori privati (aziende vitivinicole, alberghi, dimore storiche, ristoranti, aziende agrituristiche, enoteche, laboratori di prodotti tipici ed agenzie di viaggi) e soggetti pubblici (Comuni, enti e associazioni di categoria) per promuovere le potenzialità turistiche, legate soprattutto al turismo enogastronomico – della Franciacorta. Vini e bollicine di altissimo livello, dunque, ma anche professionalità, rispetto per la cultura e la tipicità e ottima accoglienza fanno della Franciacorta la meta ideale per tutti gli enoturisti.

Un esempio, quindi, da seguire,segnalato fra i più interessanti a livello nazionale. Soddisfazione per tale riconoscimento da parte della Presidente della Strada del Franciacorta, Giovanna Sveva Ricci Curbastro, che ha commentato «Sono molto orgogliosa che la Strada del Franciacorta possa essere presa ad esempio come forma di organizzazione produttiva a rete vincente, soprattutto in questo frangente economico particolarmente complesso». «Si tratta di un successo – ha continuato la Presidente della Strada del Franciacorta – garantito dalla capacità di tutti gli operatori vitivinicoli, turistici e culturali della nostra zona di unirsi per trasmettere e raccontare il carattere del Franciacorta e del territorio in cui nasce puntando sempre sulla qualità».