26 ottobre 2021
Aggiornato 20:30
Reintrodurre il ministero per le Politiche Turistiche?

«Non è mai troppo presto per reintrodurre il ministero per le Politiche Turistiche»

Così il presidente di Assoturismo-Confesercenti, Claudio Albonetti, commenta l'annuncio dato dal Premier Berlusconi

'Non è mai troppo presto per reintrodurre il ministero per le Politiche Turistiche'. Così il presidente di Assoturismo-Confesercenti, Claudio Albonetti, commenta l'annuncio dato dal premier Berlusconi: i sottosegretari alla Sanità, Ferruccio Fazio, e al Turismo, Michela Vittoria Brambilla, diventeranno prossimamente ministri nelle rispettive competenze.

'Non è possibile avere 20 governi regionali a guidare il turismo - spiega Albonetti - per il rilancio serve ovviamente il lavoro fondamentale delle Regioni, ma per i tavoli di concertazione a livello europeo, per discutere del costo contributivo del lavoro e dell'eccessivo carico fiscale, è necessario un dipartimento con funzioni di ministero o un ministero per il Turismo'.

Albonetti osserva come 'da anni in Italia non si costruiscono nuovi alberghi di medie-grandi dimensioni' e come l'Italia sia uno degli ultimi Paesi 'per creazione di nuove catene alberghiere'. 'Per troppi anni - conclude - l'utile di impresa è stato considerato un reato ma se non riusciremo a reintrodurlo, il settore non si riprenderà più'.