25 settembre 2020
Aggiornato 07:30
Confcommercio su vendite al dettaglio

«Si apre una fase di assestamento»

«Ciò non vuol dire che le prospettive dell’economia siano favorevolmente orientate ad una ripresa»

«L’interrogativo ricorrente di molti analisti è quanto durerà la crisi e quanto sarà profonda. Con il dato di oggi si intravede la possibilità che la fase più acuta di riduzione della domanda per consumi stia giungendo al termine»: questo il commento del Responsabile dell’Ufficio Studi di Confcommercio, Mariano Bella, sulle vendite al dettaglio diffuse oggi dall’Istat.

«Ciò non vuol dire che le prospettive dell’economia siano favorevolmente orientate ad una ripresa, ma soltanto che in futuro ci sarà una fase abbastanza lunga di assestamento, o più probabilmente di moderata riduzione, dei ridotti livelli di spesa aggregata e procapite raggiunti nel corso del 2008».