23 gennaio 2022
Aggiornato 17:00

Il Cda di Autogrill approva un programma di riorganizzazione

Fusione per incorporazione di Autogrill International S.p.A.

I Consigli di Amministrazione di Autogrill S.p.A. (Milano: AGL IM) e della società per azioni da essa interamente partecipata Autogrill International S.p.A. hanno approvato in data odierna, un programma di riorganizzazione che prevede la fusione per incorporazione di Autogrill International in Autogrill.

Il programma è volto a conseguire una semplificazione della struttura societaria del gruppo che fa capo ad Autogrill. In particolare, la razionalizzazione della struttura partecipativa si rende opportuna non essendo più attuale il ruolo di Autogrill International, quale unica sub-holding delle attività estere, attribuito nel dicembre 2004. A seguito delle recenti acquisizioni, specialmente nel settore del retail aeroportuale (in particolare il gruppo Aldeasa, il gruppo Alpha e World Duty Free Europe), il Gruppo Autogrill ha infatti istituito poli gestionali su base territoriale (prevalentemente in Gran Bretagna e Spagna) e di settore.

Si prevede che la fusione sia attuata sulla base delle situazioni patrimoniali delle due società partecipanti al 30 giugno 2008, secondo la procedura semplificata prevista dall’art. 2505 cod. civ. per il caso di incorporazione di società interamente possedute. In particolare, in considerazione della circostanza che Autogrill detiene l’intero capitale sociale di Autogrill International, non saranno assegnate azioni di Autogrill in concambio delle azioni della società incorporanda da essa detenute, che saranno annullate senza concambio, né vi sarà alcun conguaglio in denaro. Non sarà pertanto redatta la relazione degli esperti, di cui all’art. 2501-sexies cod. civ., sulla congruità del rapporto di cambio delle azioni e Autogrill International non redigerà la relazione sul progetto di fusione di cui all’art. 2501-quinquies cod. civ., mentre si prevede che il Consiglio di Amministrazione di Autogrill redigerà tale relazione al fine di dare ai propri azionisti un’informativa più ampia sull’operazione. Inoltre, la decisione sulla fusione sarà adottata per Autogrill International dall’assemblea straordinaria, e per Autogrill dal Consiglio di Amministrazione, come consentito dallo statuto sociale.

L’attuazione della fusione non comporterà alcuna variazione nella composizione dell’azionariato né alcuna modifica dello statuto sociale di Autogrill. Si prevede, infine, che la fusione avrà effetto, ai sensi dell’articolo 2504-bis, secondo comma, cod. civ., quando sarà stata eseguita l’ultima delle iscrizioni nel registro delle imprese dell’atto di fusione prescritte dall’articolo 2504 cod. civ. e che le operazioni di Autogrill International saranno imputate al bilancio di Autogrill, anche ai fini delle imposte sui redditi, con decorrenza dal primo giorno dell’esercizio sociale della stessa Società incorporante nel corso del quale si verificheranno gli effetti della fusione ai sensi del citato articolo 2504-bis, secondo comma, cod. civ..

Autogrill darà tempestiva comunicazione dell’adozione delle deliberazioni consiliari e assembleari attuative del progetto di riorganizzazione approvato in data odierna, ivi compreso l’avviso da pubblicarsi ai sensi dell’art. 2503 bis cod. civ. in relazione al prestito obbligazionario emesso da Autogrill Finance S.A. il 15 giugno 1999, convertibile in azioni ordinarie Autogrill S.p.A., con scadenza 16 giugno 2014, del valore nominale complessivo di Euro 47.680.000. In relazione alla condizioni del prestito sopra citato, il numero massimo delle azioni ordinarie Autogrill che potranno essere emesse a servizio della sua conversione ammonta a circa 2.478.000.