15 dicembre 2019
Aggiornato 10:30
Contratto programma tra ministero sviluppo e consorzio turistico siciliano «SCARL»

Turismo: rilancio settore in Sicilia

Investimenti di 48 mln per le province di Agrigento, Catania, Messina, Palermo, Trapani e 600 nuovi occupati

Un sistema integrato di servizi turisti che comprende otto progetti di strutture alberghiere nelle province di Agrigento, Catania, Messina, Palermo e Trapani per un investimento complessivo superiore ai 48 milioni di euro, dei quali circa 24 a carico della Finanza Pubblica (16, 768 milioni Stato e 7,186 milioni Regione). È quanto prevede il Contratto di programma tra il ministero dello Sviluppo economico e il Consorzio Turistico Siciliano ‘Scarl’ che sarà formalizzato il prossimo 17 settembre presso la sede del dicastero di via Veneto.

Il piano progettuale, che coinvolge otto società del settore, prevede la riattivazione di un’antica e storica struttura nel centro di Taormina, la realizzazione di cinque nuovi complessi alberghieri e l’ampliamento di due impianti nelle province di Trapani e Messina. L’incremento occupazionale previsto è pari a 600 unità lavorative.