16 ottobre 2021
Aggiornato 05:00
Trattative prezzo del latte

Latte, Cavallera: «Le stalle non chiudono per ferie»

«Ha ragione la Coldiretti a sollecitare le trattative per l’accordo sul prezzo del latte»

«Le mucche non vanno in vacanza, e neppure gli allevatori, ha ragione la Coldiretti a sollecitare le trattative per l’accordo sul prezzo del latte». Così Ugo Cavallera commenta la denuncia avanzata oggi da Coldiretti Piemonte, che lamenta la mancanza del contratto latte da cinque mesi.

«Se consideriamo che i contratti dovrebbero avere validità annuale – osserva Cavallera – è già trascorsa quasi metà annata senza che allevatori e industriali caseari abbiano trovato un’intesa e solo all’inizio di settembre è previsto un incontro. Credo che si possano invece utilizzare queste settimane per affrontare i problemi di un’attività che non concede soste e che è operativa anche durante il mese di agosto».

Cavallera sollecita dunque la convocazione in tempi brevissimi del tavolo regionale, sottolineando che «andranno comunque difesi i diritti di quegli allevatori che hanno operato sempre nel rispetto delle norme sulle quote, compiendo investimenti ingenti che non devono essere vanificati. Anche nella prospettiva futura, qualora venisse confermato, a lunga scadenza, il superamento del sistema quote, occorre assicurare che chi si è attenuto scrupolosamente alle regole non venga penalizzato. Per quanto riguarda la promozione della qualità del prodotto, è indubitabile che ciò passi attraverso gli accordi di filiera con il coinvolgimento dell’industria di trasformazione. Non è pensabile che la componente zootecnica sia sempre chiamata a farsi carico dei maggiori problemi, essendo l’anello più fragile della filiera».