16 ottobre 2021
Aggiornato 09:30
Salari

Ritardi negli stipendi ai forestali foggiani

La FAI CISL scrive al presidente della Regione Vendola

I forestali sono ogni estate super impegnati, ma puntualmente vengono dimenticati dagli uffici regionali quando si tratta di pagargli lo stipendio. La denuncia viene dalla segreteria territoriale della FAI (Federazione Agricola Alimentare Ambientale Industriale) CISL di Foggia, la quale ha inviato una lettera al Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ed all'Assessore Regionale all'Agricoltura, Enzo Russo, per protestare e sollecitare il pagamento del salario agli oltre duecento operai forestali foggiani.

«Come negli anni passati - ha scritto il segretario generale territoriale della FAI, Michele Manzi - anche quest'anno questi lavoratori a tempo determinato, dipendenti della Regione, adibiti alle opere di antincendio e manutenzione delle aree boschive della Provincia di Foggia, lamentano la ritardata riscossione dei salari. Ancora non riscuotono - evidenzia la Fai provinciale - le mensilità di maggio e giugno, e forti preoccupazioni vi sono per luglio, visto il periodo di ferie. Si tratta - evidenzia Manzi - di un ingiusto trattamento verso lavoratori che operano tutta l'estate, anche in Agosto, per la tutela del nostro patrimonio boschivo».

A tal proposito, la FAI evidenzia che «l'IRIF di Foggia trasmette i listini paga agli uffici regionali addetti, nei tempi e modi indicati, però il tutto si arena alla Regione, perché i passaggi anziché snellirsi si sono triplicati». Secondo il sindacato «è opportuno nominare un responsabile dell'lRIF a Foggia, abilitato alla firma non solo per la parte amministrativa ma anche organizzativa. Bisogna - sottolinea il segretario generale della Fai Cisl di Foggia - promuovere il decentramento per favorire efficacia e celerità delle risposte alle esigenze del territorio».