16 ottobre 2021
Aggiornato 05:30
Confagricoltura da lunedì segue ora per ora la maratona di Ginevra

WTO: per Confagricoltura essenziale non chiudere il Doha Round senza un’adeguata contropartita agricola

“La strategia di Bruxelles ha previsto notevoli e continue concessioni sul dossier agricoltura in attesa di analoghi impegni sull’apertura dei Paesi Terzi per i prodotti industriali – ha commentato il Presidente di Confagricoltura Vecchioni -.”

Confagricoltura, che da lunedì segue ora per ora la maratona di Ginevra, ribadisce la necessità che un’eventuale intesa in ambito Wto non possa prescindere da una contropartita in seno al capitolo agricolo.

«La strategia di Bruxelles ha previsto notevoli e continue concessioni sul dossier agricoltura in attesa di analoghi impegni sull’apertura dei Paesi Terzi per i prodotti industriali – ha commentato il Presidente di Confagricoltura Vecchioni -.»

«Non vogliamo però uno scambio tra settori – ha proseguito il Presidente – che vedrebbe solo l’agricoltura perdente. Occorre invece una contropartita agricola, ad esempio tramite un’adeguata tutela giuridica dei prodotti a denominazione di origine mediante l’estensione del registro multilaterale delle indicazioni geografiche.»

«E concordiamo con il Sottosegretario Urso – ha concluso Vecchioni – sul fatto che questa deve essere la nostra ‘linea rossa’ del negoziato».