22 ottobre 2019
Aggiornato 03:00
La lettera di Alfano è comunque «un po' forzata»

Azzariti: sui matrimoni gay la legge ha divorziato dalla chiarezza

Dopo Marino, è la volta di Pisapia: il braccio di ferro con il prefetto per la trascrizione delle nozze gay è culminato in un'indagine per omissione d'atti d'ufficio. E' legittima la trascrizione? E tra sindaco e prefetto, chi prevale? Ce lo spiega il costituzionalista Gaetano Azzariti