28 febbraio 2020
Aggiornato 03:30
Motori

San Valentino: il regalo perfetto per chi ama i motori

Cinque circuiti storici su cui regalare la guida di una Ferrari, un'esperienza che sicuramente renderà felice gli appassionati dei motori

Ferrari
Ferrari Pixabay

MILANO - Febbraio è il mese dell’amore e come da tradizione molte coppie già rodate e tante che si sono appena formate si scambieranno dei regali per celebrare San Valentino. Come per tutti i doni ciò che conta è vedere gli occhi dell’altra persona brillare sapendo di aver scelto qualcosa che la rende felice. Proprio per questo, automobile.it, sito di annunci di auto usate, nuove, Km 0 e a noleggio di proprietà del gruppo eBay, seleziona il regalo perfetto per l’appassionato di motori: i circuiti in Italia dove è possibile sentirsi piloti per un giorno alla guida di una Ferrari. Che sia una donna o un uomo ad avere questa passione è possibile viverla fino in fondo in un’esperienza su circuito, perché, sfatiamo un pregiudizio, non sono solo gli uomini ad amare i motori!

La Ferrari in particolare, simbolo dell’automobilismo italiano che a marzo compie ben 73 anni, permette di sentire il brivido di domare un circuito con la potenza del Cavallino Rampante. Un sogno che può diventare realtà, proprio a San Valentino. Molti smart box propongono pacchetti che offrono questa possibilità ma se si vuole prenotare direttamente è possibile, con prezzi a partire dagli 80 euro, basta conoscere i circuiti come i maggiori 5 proposti di seguito.

Autodromo del Mugello

Situato tra Scarperia e San Pietro (FI), la sua storia inizia nel lontano 1914 con una pista senza asfalto. Oggi è la sede storica del Gran Premio d'Italia, acquistato e ristrutturato da Ferrari nel 1988 è uno dei più spettacolari della MotoGP. Conta quindici curve e il rettilineo più lungo del Motomondiale che permette alle MotoGP di raggiungere i 350 km/h. La pista, lunga 5.245 km, si snoda fra boschi e verde, in un saliscendi tra le colline toscane, accompagnato da 15 curve e 7 rettilinei, che la rendono, per piloti professionisti e non, irresistibilmente affascinante.

World Circuit di Misano Marco Simoncelli

Pista lunga 4.226 km con una larghezza minima di 12 metri è composta da 16 curve (di cui dieci a destra e sei a sinistra) e sei rettilinei (per un complesso di 1.850 km). Una caratteristica di questo circuito è quella di essere illuminata artificialmente. Luogo facilmente raggiungibile, accoglie da sempre manifestazioni sportive di profilo mondiale.

Circuito di Vallelunga

Si trova a Campagnano (RM). L’autodromo nasce nel 1957 dalle ceneri di un ippodromo ed è considerata la pista adatta a test automobilistici e nel 2004 ha ricevuto l’omologazione FIA che la rende utilizzabile anche per i test di F1. Si snoda per 4.085 km, l’asfalto ha un ottimo grip e con le sue 14 curve e 6 rettilinei offre un buon compromesso fra velocità e agilità.

Autodromo di Monza

Il vero e proprio tempio della velocità, è il più grande complesso di questo genere nel mondo e il più amato. Composto da 9 curve impegnative e 4 lunghi rettilinei per un totale di 5.793 km, trasmette sensazioni uniche sia a piloti professionisti sia amatoriali. Chiunque lo abbia provato, alla guida di una Ferrari, ha impresso nel cuore ogni frazione di secondo passato su questa pista.

L’Autodromo di Imola «Enzo e Dino Ferrari»

Inaugurato nel 1953, è lungo 4.909 km e si presenta come un circuito molto tecnico con 22 curve staccate complesse e 4 rettilinei. Per i guidatori amatoriali, i giri possono essere svolti a ritmi ridotti. L’autodromo è conosciuto in tutto il mondo per la tappa ufficiale «F1» e «Superbike». Qui è possibile, tra le varie proposte, mettersi al volante di una Ferrari 458 Challenge Evo da competizione. Il prezzo di questo tour è un po’ più alto di quelli che si riescono a trovare in giro (intorno ai 650 euro) ma offre una vera e propria esperienza che comprende la visita al museo Checco Costa, l’open bar, una sorta di lezione teorica e poi la fantastica prova di guida.