20 febbraio 2020
Aggiornato 03:30
Quando la cura fa paura

Rifiuta la chemioterapia per rivolgersi alla medicina cinese e muore di cancro a 26 anni

Dopo la morte della ragazza italiana, i cui genitori avevano rifiutato la chemioterapia per seguire le teorie del dottor Hamer, ecco il caso di una giovane attrice cinese che si è affidata alle cure della MTC in alternativa alla chemioterapia. Qualche giorno fa, ha perso la battaglia ed è morta per un linfoma.

Cancro, muore a 26 anni per seguire la medicina tradizionale cinese
Cancro, muore a 26 anni per seguire la medicina tradizionale cinese Shutterstock

PECHINO – Aveva soltanto 26 anni, ed è morta per un linfoma – un tipo di cancro che colpisce il sistema immunitario. Così è terminata la battaglia della giovane attrice Xu Ting che aveva rifiutato la chemioterapia per rivolgersi ai rimedi proposti dalla MTC, la Medicina Tradizionale Cinese.

Meglio che l’orrore
La giovane Xu aveva preferito i trattamenti della MTC consapevolmente. Sapeva che questo genere di cancro si cura di routine con chemio e radioterapia. Tuttavia, come lei stessa ha dichiarato sulla piattaforma di micro-blogging Weibo, la medicina cinese era preferibili agli ‘orrori della chemioterapia’. «So che la chemioterapia è estremamente dolorosa – scriveva Xu – ed è un processo che può anche accelerare la mia morte». Inoltre, non voleva che la chemioterapia intaccasse il suo fisico e la rendesse brutta e sfigurata.

Quando la cura fa paura
Secondo il prof. Zhou Qingfeng, direttore del Dipartimento dei Tumori presso la facoltà di medicina dell’Università di Guangzhou, la riluttanza di Xu ad accettare il trattamento di chemioterapia nasce da una paura pubblica della procedura. «Una volta che un paziente sente la parola ‘chemioterapia’, si spaventa e non vuole farla», ha dichiarato al quotidiano The Nan Fang.

  • La Nuova Medicina di Hamer
    La teoria dell’ex medico tedesco Ryke Geerd Hamer si basa sul concetto che malattie come il cancro si possano sviluppare a seguito di un trauma o conflitto psichico e il successivo tentativo di riparazione messo in atto dall’organismo. Secondo l’AIRC (l'associazione italiana per la ricerca sul cancro), il metodo di Hamer non cura il cancro, anzi: «è un metodo basato su premesse non scientifiche che ha già provocato la morte di diversi pazienti». Questo perché il metodo rifiuta l’uso di farmaci e terapie tradizionali. La teoria di Hamer si basa sulle cosiddette ‘5 leggi biologiche’, dove si ritiene che il cancro o malattia equivalente sia generato da un forte choc, inaspettato, drammatico e vissuto nell’isolamento. Per guarire da una malattia, cancro compreso, basterebbe risolvere il conflitto.

Coppette e altro
La ragazza si è così sottoposta ad alcuni dei trattamenti previsti dalla MTC, come per esempio la coppettazione, il salasso, l’agopuntura ecc. Nonostante ciò, durante l’estata le sue condizioni sono peggiorate. La sorella di Xu, viste le condizioni della ragazza ha denunciato pubblicamente il medico definendolo un truffatore.

  • La Medicina Tradizionale Cinese
    La MTC, o Medicina Tradizionale Cinese, è un’antica scienza medica tradizionale della Cina, anta all’incirca 2500 anni fa. Basa la maggior parte delle sue terapie su rimedi fitoterapici semplici e composti, su tecniche come l’agopuntura, la coppettazione, il massaggio, i salassi, la dietistica e altro ancora. Si basa inoltre sull’equilibrio tra l’uomo e l’ambiente, la psiche e il corpo, le forze Yin e Yang (gli opposti), l’energia vitale o Qi.

La resa
Viste le proprie condizioni sempre più drammatiche, Xu a fine agosto ha capitolato e deciso di accettare la chemioterapia. Soltanto che a questo punto era troppo tardi. Il sistema immunitario era ormai troppo compromesso. La morte è arrivata circa una settimana dopo. In Cina, dopo il caso, si è aperto un dibattito, dove da una parte ci sono i sostenitori della MTC e dall’altra i sostenitori della medicina ‘occidentale’. Secondo molti esperti, non è stata la MTC di per sé a non far guarire la ragazza, ma la truffa di cui è stata vittima e le procedure che non sarebbero state corrette.