25 giugno 2019
Aggiornato 05:00
Tutto ciò che c'è da sapere sull'edizione numero 28

Salone del Libro Torino, i protagonisti più attesi

Da oggi a lunedì 18 maggio la più importante kermesse italiana dedicata a chi ama leggere. Attesi al Lingotto scrittori, musicisti, attori, persino chef stellati. Con un sacco di sorprese...

TORINO - Cominciamo col dare i numeri: edizione numero 28, da giovedì 14 maggio fino a lunedì 18, 4 padiglioni giganteschi, 39 sale e spazi incontri, 80 nuovi espositori, 31 le giovani realtà editoriali che hanno meno di due anni di vita, già oltre 50mila download per la app gratuita. Si apre oggi a Torino (Lingotto Fiere) il Salone Internazionale del Libro, la più importante kermesse italiana dedicata a chi ama leggere. Sarà un Salone delle Meraviglie questa volta, visto che il tema conduttore è proprio dedicato alle bellezze che hanno fatto grande il nostro Paese: un tesoro artistico, architettonico, letterario, musicale, linguistico, paesaggistico, che ha finito per comporre il carattere, l’identità, lo stile italiano, apprezzato e imitato in tutto il mondo. Paese ospite quest'anno è la Germania, che si presenta al Salone con la forza della sua cultura attenta, cosmopolita, capace di fare i conti con la tradizione e di arricchirsi dell’apporto di scrittori che vengono da altri paesi. Per l'occasione arriveranno a Torino Daniel Kehlmann, Ingo Schulze, Markus Gabriel, Günther Walraff, per il quale si muoverà dall’America, dove attualmente vive, Roberto Saviano.

I grandi ospiti internazionali
Emmanuel Carrère ritirerà il Premio Mondello Internazionale per «Il Regno», originale rilettura dei primi anni del Cristianesimo. Dalla Francia arriveranno l'apprezzatissima Maylis de Kerangal con il suo «Riparare i viventi», drammatico racconto di un trapianto di cuore, e Mazarine Pingeot, figlia di François Mitterrand, con un divertente romanzo sulle defatiganti imprese multitasking delle madri d’oggi. Dal profondo Nord arrivano Camilla Läckberg, maestra del giallo svedese, Lars Gustafsson, che racconta con leggerezza calviniana le avventure di un commesso viaggiatore negli anni ’50, e Björn Larsson, ormai di casa in Italia. Catherine Dunne presenta in anteprima il suo nuovo romanzo, «Un terribile amore», storia di un matrimonio conflittuale. L’americana Vanessa Diffenbaugh torna al Lingotto con il suo nuovo romanzo, «Le ali della vita», e non mancherà nemmeno questa volta, a 102 volte, il grande, intramontabile Boris Pahor, che ha cercato di saldare sulla pagina due culture, la slovena e la triestina, che hanno sempre strettamente dialogato, al di là delle tragedie del ‘900.

L'attualità e la saggistica
Al centro del dibattito i temi che occupano cronache sempre più drammatiche. Quattro autorevoli conoscitori delle vicende medio-orientali (Fouad K. Allam, Jordan Foresi, Maurizio Molinari, Domenico Quirico) ricostruiscono identità, strategie e orrori dell’Isis. L’incontro con Raffaele Cantone e Gianluca De Feo affronta il tema scottante della corruzione e delle strategie per fermarla. Al Lingotto anche Lirio Abbate e Marco Lillo, che con la loro inchiesta hanno rivelato i traffici di «Mafia capitale». Nicola Gratteri e Antonio Nicaso tracciano un quadro allarmante del traffico mondiale della cocaina. Zygmunt Bauman ed Ezio Mauro si interrogano sui principi dell’etica repubblicana. «Le maschere del potere» è il titolo della lectio magistralis di Gustavo Zagrebelsky sui rapporti tra potere e giustizia, mentre il nuovo libro di Marco Travaglio punta l’indice contro gli intellettuali, i giornalisti e gli opinionisti che si sono distinti per servilismo verso i potenti di turno.

Musicisti e spettacoli
Sempre più folto il manipolo dei musicisti che scrivono. Roberto Vecchioni, autore di «Il mercante di luce», chiuderà l’edizione 2015 con un viaggio attraverso i versi dei lirici e dei tragici greci, Francesco Guccini continua a praticare con soddisfazione l’arte del giallo con l’inseparabile Loriano Machiavelli. Vinicio Capossela ha dedicato alle sue radici irpine un autentico poema epico-lirico. Al Bookstock Village, lo spazio del Salone dedicato ai più piccoli, attesi anche Morgan con una lezione sulla grande musica classica, Emis Killa, lo YouTuber Favij, Angela Finocchiaro che legge Gianni Rodari e Giacomo Poretti che tiene una conversazione sull’attenzione per l’altro.

Crossover tra letteratura e fumetto
Crossover è il nuovo progetto del Bookstock Village per curiosare nel vasto modo del fumetto e della graphic novel. Quattro i grandi protagonisti: Zerocalcare, fenomeno editoriale del 2014 e candidato al Premio Strega con la sua ultima fatica a fumetti «Dimentica il mio nome», Richard McGuire che presentail suo libro «Here» pubblicato per la prima volta nel 1989 e ora in uscita in Italia per Lizard, Leo Ortolani, il padre di Rat-Man e uno fra i più noti e geniali disegnatori italiani degli ultimi trent’anni, e infine un omaggio ai 50 anni della storica rivista di fumetti «Linus».