23 febbraio 2020
Aggiornato 12:30
A Cremona Pianoforte un’opportunità per gli adulti che vogliono avvicinarsi allo strumento

Non è mai troppo tardi per il piano!

Una guida all’ascolto e un primo approccio con la tastiera e la storia della musica, in un percorso stimolante tra composizioni immortali. L’incontro si svolgerà nell’ambito di Cremona Pianoforte (Cremona, 28-30 settembre 2012), l’unica manifestazione interamente dedicata al piano

CREMONA - Quanti progetti vengono rimandati all'età più matura! Quando si è giovani si è sempre troppo impegnati tra lavoro, impegni famigliari ed extra famigliari e quindi spesso si rinuncia ad una passione o ad un desiderio. Tra questi rientra spesso anche la musica, ma non solo l'ascolto, che comunque se affrontato con strumenti di decodificazione adeguati è già molto impegnativo, ma anche il «fare» musica, suonare uno strumento. Cremona Pianoforte quest'anno vuole regalare una doppia opportunità al pubblico adulto di avvicinarsi al principe degli strumenti attraverso un percorso guidato all'ascolto di brani importanti del repertorio classico internazionale, e la possibilità di un avvicinamento alla tastiera. La voce e la competenza di Elena Caccini, compositrice e direttrice di coro, introdurrà all'ascolto dei brani con elementi di storia della musica e di forme musicali. Mentre a Paolo Franceschi, pianista e musicologo, è affidata la parte musicale; il maestro avrà a disposizione un pianoforte acustico e uno digitale per eseguire i brani più famosi del repertorio pianistico e tastieristico.

Brani immortali del repertorio classico per pianoforte e gli antenati del pianoforte come l'organo e il clavicembalo, grazie alla possibilità di riprodurre il suono di questi sul pianoforte digitale; tutti pezzi tra l'altro di immediata riconoscibilità perché utilizzati in sigle televisive, motivi di testa o di coda di programmi radiofonici, o colonne sonore cinematografiche. Autori come Bach, Haendel, Mozart, Beethoven, Chopin, Liszt e Debussy, per incontrare e scoprire subito il meglio della storia del piano.
L'incontro avrà la durata di un'ora e mezza, durante la quale si darà al pubblico la possibilità di conoscere la musica pianistica e il pianoforte come strumento acustico, sollecitando in questo modo la propensione all'interazione tramite esercizi di ascolto ed anche di avvicinamento alla tastiera, in modo da concretizzare nuovi stimoli e curiosità, oltre che far conoscere gli elementi basilari della storia della musica.
L'appuntamento per chi vuole lanciarsi alla scoperta del pianoforte è per sabato 29 settembre dalle ore 15.00 in Sala Monteverdi.