20 novembre 2019
Aggiornato 19:00
Festival cinematografici

Annunciati i vincitori del Giffoni Film Festival

Scelto anche il tema della rassegna 2012: «La felicità». Ad annunciarlo il Direttore artistico Claudio Gubitosi

MILANO - «Sarà La Felicita» il tema della prossima edizione del Giffoni Film Festival che durerà 12 giorni e che festeggerà i suoi 42 anni». Ad annunciarlo, quest'oggi, è stato il direttore artistico della rassegna cinematografica per ragazzi Claudio Gubitosi.

A vincere il primo premio per la sezione Generator +16, è stato il controverso Suicide room, film polacco diretto da Jan komasa, che racconta la storia di Dominik che entra in una chat per persone accomunate da una stessa tendenza autodistruttiva. Per i cortometraggi sempre di Generator +16 ha vinto Burungo, film finlandese di Dome Karukoski Pamela Tola.

Per Generator +13 si aggiudica il primo posto il film Ways to live forever del regista Gustavo Ron, che tratta il tema delicato e drammatico della malattia di un ragazzo, Sam, che affronta la sua battaglia contro la leucemia. Per i cortometraggi, primo posto per Bekas di Karzan Kader.

I ragazzi di Generator +18 invece, hanno decretato miglior lungometraggio il film Beautiful boy di Shawn Ku, che parte dalla triste vicenda di un ragazzo che ha commesso una strage nell'università che frequentava. Miglior corto, invece, The guilt, con la regia dell'italiano Francesco Prisco.

I piccoli di Elements +3 hanno scelto nella loro sezioni di corti la pellicola Gloria meets a real owner di Joshua Held, che racconta di una bellissima gattina vanitosa che viene abbandonata dai suoi padroni.

Per Elements +6, invece, vince come miglior lungometraggio, Fuchsia the mini witch, di Johan Nijenhuis e come miglior corto Carlotta and the cloud di Daniel Acht.

Per Elements +10, infine, si aggiudica il primo posto il lungometraggio di Anne Sewitsky, Totally true love e il corto Weightless dello svedese Robert Lundmark Magnus Johansson.

«Come sempre - ha concluso Gubitosi - il Giffoni Film Festival si conclude con grandi numeri: 3.300 giurati ospitati in 1.800 famiglie della zona; 140.000 presenze in 11 giorni di festival: questi sono solo alcuni dei dati che hanno fatto la storia di questa 41esima edizione».