22 ottobre 2020
Aggiornato 16:30
Una trasferta in più a partire dalla prossima stagione

Dal 2018 un nuovo Paese si aggiunge al calendario della MotoGP: la Thailandia

L'autorità sportiva della nazione asiatica ha raggiunto un accordo con la Dorna, la società che organizza il Motomondiale, proprio lo scorso weekend a margine del Gran Premio del Mugello. La data fissata è per il weekend dal 5 al 7 ottobre, in concomitanza con le altre tappe oltreoceano

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/06/20170606_video_12380928.mp4

ROMA – Il Motomondiale sta per sbarcare anche in Thailandia. La notizia è arrivata ufficialmente attraverso un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook dell'autorità sportiva locale (Sat), in cui si comunica che in occasione dell'ultima prova del calendario, il Gran Premio d'Italia svoltosi lo scorso weekend al Mugello, è stato firmato un accordo con la Dorna, la società spagnola che cura l'organizzazione della MotoGP.

La tripletta asiatica diventa un poker
Il circuito interessato è quello di Buriram, nel nord est della Thailandia, una cittadina diventata di recente un importante punto di riferimento a livello sportivo, dove già si corre tra l'altro anche il Mondiale Superbike, organizzato dalla stessa Dorna. E il weekend previsto per il Gran Premio thailandese è quello dal 5 al 7 ottobre 2018, un appuntamento che andrebbe a completare le tappe d'oltreoceano in Giappone, Australia e Malesia.

Ultimi ritocchi all'accordo
Nel comunicato della Sport Authority della Thailandia si precisa anche che l'intesa è stata raggiunta al termine di un lungo colloquio, nell'ambito del quale si è concordato la concessione dei diritti per almeno tre anni, fino, quindi, al 2020. Manca solo l'ultimo via libera: ma la conferma, ha fatto sapere la società di Carmelo Ezpeleta, dovrebbe arrivare a breve. Poi, il circo delle due ruote sarà pronto a portare milioni di dollari in quella che un tempo era una delle province più povere del Paese.

(Fonte: Askanews)