17 giugno 2019
Aggiornato 09:30
Mondiale Motocross | GP Germania

Germania ostica per Cairoli, ma nel campionato resta in scia

Soltanto un sesto posto a Teutschenthal per Tony, che comunque nel Mondiale rimane secondo (a quarantotto punti da Herlings): «Una gara molto strana»

TEUTSCHENTHAL – L’ottava prova del campionato mondiale motocross sì è disputata in Germania su una delle piste classiche, la Talkessel di Teutschenthal, a pochi chilometri da Halle. Antonio Cairoli (Red Bull Ktm Factory Racing MxGP), terzo nelle libere e secondo nelle cronometrate del sabato, nella manche di qualifica è scattato nel gruppo di testa e al primo passaggio è transitato in terza posizione, alle spalle di Jeffrey Herlings (Ktm) e Tim Gajser (Honda). Tony ha tenuto bene la posizione fino a tre quarti di manche, quando un sasso gli ha bloccato il launch control della forcella anteriore e lo ha costretto a perdere diversi secondi per riuscire a ripartire, dopo aver risolto lo sfortunato inconveniente, così da concludere la manche in settima posizione. Le due gare della domenica sono state molto simili per Cairoli, che è partito a ridosso del gruppo dei primi; in gara-1 era ottavo al primo giro e sesto al secondo, ma poi non è riuscito a recuperare posizioni, bloccato dal belga Clement Desalle (Kawasaki) che è stato bravo a respingere ogni suo attacco. In un tentativo di sorpasso Cairoli ha anche impattato la ruota posteriore della moto di Desalle ed è scivolato, ripartendo subito. In gara-2 stesso andamento, con Cairoli al nono posto dopo il primo giro e in rimonta fino al sesto posto, ancora alle spalle di Desalle. Poi nel finale, per la caduta di Romain Febvre (Yamaha), ha guadagnato una posizione finendo quinto.

Giornata storta
Sesto in classifica di giornata, Cairoli è sempre secondo in classifica di campionato, a quarantotto punti da Herlings. «Oggi è stata una gara molto strana, dove per il terreno e le poche traiettorie disponibili era praticamente impossibile superare, e le posizioni sono cambiate pochissimo dalla partenza alla fine della manche – ammette il siciliano – In entrambe le gare dopo i primi giri mi sono trovato alle spalle di Desalle, e lui è uno dei più difficili da superare ed è stata dura. Mi sono avvicinato un paio di volte ma alla fine ho dovuto evitare di rischiare troppo. Non so cosa sia realmente successo con le partenze, non siamo soddisfatti e dobbiamo verificare». Il prossimo GP, nono stagionale, è in programma sulla pista di Matterley Basin (Gran Bretagna) il 2 e 3 giugno.