17 agosto 2018
Aggiornato 01:30

Navarro nella sua Spagna: «Ma su una pista che non amo»

Reduce da una bella rimonta ad Austin, il pilota del team Gresini rientra a casa: «Eppure a Jerez non ho mai avuto troppo feeling. Confido nel mio pubblico»
Jorge Navarro in sella alla moto del team Gresini Moto2
Jorge Navarro in sella alla moto del team Gresini Moto2 (Gresini)

JEREZ DE LA FRONTERA – A Jerez de la Frontera è tempo di primavera, temperature miti (si spera) e soprattutto motori, con il campionato del mondo MotoGP che apre ufficialmente la stagione europea 2018. Jorge Navarro torna all’azione dopo una prova decisamente positiva ad Austin grazie ad una rimonta che l’ha portato dalla diciannovesima all’ottava piazza sul traguardo del circuito americano in classe Moto2.

Pista complicata
Un inizio di stagione di alti e bassi per il pilota del Team Federal Oil Gresini Moto2 (con i bassi di Termas dovuti più che altro ad un tamponamento) che a Jerez, tracciato non tra i preferiti del numero 9, può comunque prendere la giusta direzione. «Finalmente torniamo a casa, in Europa e torniamo alla normalità – spiega il pilota spagnolo – Ho tantissima voglia di correre davanti ai nostri tifosi e dopo la gara di Austin arrivo ancora più motivato e aggressivo. Devo ammettere che il tracciato di Jerez de la Frontera non è tra i miei preferiti, perché a livello di risultati non ho mai avuto troppo feeling: come sempre però poter contare sul supporto della gente, degli amici che verranno a trovarmi e sul calore di Jerez, ci spingerà a fare molto bene». Tredici curve sparse su 4,4 chilometri nello splendido scenario di Jerez de la Frontera saranno l’occasione perfetta per puntare in alto per Navarro che vuole iniziare col piede giusto fin dalla prima sessione di prove libere della Moto2 previste per le 10:55 ora italiana.