20 settembre 2019
Aggiornato 14:30

Arbolino anticipa la pioggia e centra la prima pole in carriera

Grazie alla perfetta strategia il giovane pilota di Garbagnate Milanese conquista la partenza al palo a Termas de Rio Hondo, davanti al connazionale Bezzecchi

TERMAS DE RIO HONDO – Il sabato più dolce per Tony Arbolino alla sua prima pole mondiale, a Termas de Rio Hondo, circuito sul quale il pilota di Garbagnte Milanese conquistò, lo scorso anno, i suoi primi punti iridati. Una strategia perfetta quella di Tony che fa segnare il miglior tempo (1:53.782) a 11 minuti dalla fine del turno, prima che la pioggia iniziasse a cadere. Aiutato dal meteo sì, ma è una pole che non è frutto del caso: dopo il risultato deludente del Qatar, sia Tony che la squadra Snipers Racing non si sono persi d'animo e hanno lavorato duramente, assieme a Honda, per trovare una chiave di lettura del problema. «Sono contentissimo per questa prima pole position – esulta lui – Abbiamo fatto un grandissimo lavoro con il team e ho un ottimo feeling con la moto. Sull'asciutto sono davvero competitivo, faccio un po' più fatica sul bagnato ma, domani, speriamo di fare una bella gara e di stare là davanti con i primi».

Gli altri tricolori
Alle sue spalle completa la doppietta italiana Marco Bezzecchi, con la Ktm del team PruestelGP. Il riminese Enea Bastianini si è dovuto accontentare del quinto tempo assoluto che domani lo farà scattare dalla seconda fila dello schieramento: «Stamattina l’asfalto era scivoloso e all’inizio ho cercato di trovare il feeling giusto – spiega il portacolori del team Leopard – Mi sono adattato alle condizioni e verso la fine della sessione sono riuscito a spingere. In qualifica, la pista era un misto di bagnato e asciutto e siamo partiti con le gomme da asciutto; purtroppo, proprio quando rientravo per cambiare gli pneumatici, ha ricominciato a piovere. A quel punto non si poteva più migliorare il tempo, perché la prima parte della pista era completamente bagnata».

Diggia dalla seconda fila
Fabio Di Giannantonio ha giocato bene le proprie carte in una giornata che era iniziata con la leadership durante le terze prove libere con asfalto bagnato. L’italiano è rimasto in pista girando da solo fino a poco prima che arrivasse la pioggia, riuscendo così a trovare la sesta piazza di questo secondo GP stagionale: «Oggi con la moto era un’altra cosa – conferma il romano di Gresini – Abbiamo fatto due bei turni e soprattutto in qualifica prendere la seconda fila è ottimo. So che anche gli altri vanno forte, ma era importante partire con una buona posizione e sono convinto che la moto sarà pronta a tutte le condizioni dovessero presentarsi domani». Domani la classe Moto3 si ripresenterà sulla pitlane alle 9:40 locali per i 20 minuti di rifinitura del warm up; l’appuntamento per tutti gli appassionati è fissato alle 12 (le 17 ora italiana), allorquando si spegneranno i semafori del Gran Premio de la Republica Argentina 2018.