11 aprile 2021
Aggiornato 12:30
MotoGP

Aprilia affila le armi in galleria del vento

La casa di Noale porta avanti lo sviluppo della RS-GP 2018 con una giornata di prove aerodinamiche all'Università di Perugia con i due piloti Espargarò e Redding

PERUGIA – La stagione 2018 è ormai alle porte e nel reparto corse Aprilia fervono i preparativi per affinare la nuova RS-GP prima dell'inizio del campionato. Uno dei passi di sviluppo, dopo aver fatto debuttare il nuovo prototipo nei test di Sepang, riguarda l'aerodinamica. Salita agli onori della cronaca grazie alla comparsa delle appendici, particolari visibili ed evidenti, ma da sempre oggetto di ricerca. Il lavoro di Aprilia si è svolto in una giornata di prove nella galleria del vento dell'Università di Perugia, vedendo coinvolti entrambi i piloti. Aleix Espargarò e Scott Redding hanno affrontato le prove aerodinamiche di ritorno dai test in Thailandia. I risultati dei rilevamenti in galleria stanno fornendo le basi per l'evoluzione della RS-GP 2018.

Le parole del boss
«La ricerca aerodinamica è ormai parte integrante nello sviluppo di una MotoGP moderna – spiega il responsabile corse della Aprilia, Romano Albesiano – Non solo per quanto riguarda le appendici, che ne sono l'espressione più visibile, ma perché in un panorama estremamente livellato ogni dettaglio diventa influente. Aleix e Scott hanno caratteristiche fisiche estremamente diverse, che richiedono quindi affinamenti aerodinamici diversificati per ottimizzare l'efficienza. Le prove in galleria sono solo una parte dello studio aerodinamico, che prevede anche simulazioni al computer e verifiche direttamente in pista. In Qatar porteremo una prima versione del pacchetto aerodinamico per la RS-GP 2018, mentre una seconda evoluzione sarà prevista a stagione in corso».