24 ottobre 2019
Aggiornato 07:00

Missione compiuta: Fenati è vicecampione del mondo

A Sepang, dove il nostro Bastianini sale sul podio, il pilota ascolano del team Snipers giunge 7° in rimonta e conquista la certezza matematica della seconda piazza in campionato

SEPANG – Il migliore degli italiani nel Gran Premio della Malesia è stato Enea Bastianini, che ha conquistato il terzo gradino del podio, ma per Romano Fenati è arrivata la certezza matematica del secondo posto nel Mondiale. Oggi è stato bravo a non rimanere coinvolto, nelle fasi iniziali della gara, nella caduta di Suzuki, perdendo però il contatto dal gruppo di testa. Ne è seguita una grande rimonta (fino alla settima posizione finale), lontano però dalle scie dei primi. Peccato perché l’ascolano era veramente veloce: «Sono secondo in campionato e questo è quello che conta se si considera che, l’anno scorso, qua, già non correvo più – spiega il portacolori del team Snipers – Oggi, in gara, sono stato fortunato a rimanere in pista dopo la caduta di Suzuki ma, per evitarlo, sono dovuto andare larghissimo perdendo posizioni e la scia dei primi. Questa mattina, dopo il warm up, abbiamo fatto una modifica che ha portato a un miglioramento e che mi ha consentito di tenere un gran passo ma non è bastato per tentare il recupero perché faceva caldo e le gomme scivolavano da tutte le parti».

Spettacolare recupero
Protagonista di una grande rimonta è anche Andrea Migno, primo pilota in sella a Ktm e sesto al traguardo. Il giovane talento dello Sky Racing Team VR46, partito dalla 19esima casella dello schieramento, ricuce subito il divario dal gruppo dei primissimi e, dopo una gara all'attacco, centra ancora una volta la top ten. Con i punti conquistati oggi, Migno è ottavo in classifica generale (118 punti), primo tra le Ktm. «Una bellissima domenica! – sorride Andrea – Una gara lunghissima, tosta e con delle temperature davvero estreme, ma sono molto contento del risultato. In qualifica ho faticato, partivo in fondo al gruppo, ma ho fatto un gran lavoro con il team per riuscire a ricucire il distacco. Nel warm up mi sono trovato subito a mio agio con le modifiche e in gara sono riuscito a fare il mio ritmo. Al momento sono il primo pilota Ktm in classifica: dobbiamo rimanere concentrati verso il gran finale di Valencia».