15 ottobre 2019
Aggiornato 18:00
Motocross Uddevalla

Cairoli fa il ragioniere: e il Mondiale si avvicina

L'otto volte iridato siciliano decide di non assumersi rischi eccessivi nella insidiosa trasferta svedese: arriva solo settimo, ma grazie al ritiro del suo diretto rivale allunga comunque in classifica di campionato

UDDEVALLA - La sedicesima prova stagionale del Mondiale Motocross, disputata sulla storica pista di Uddevalla, 80 Km a Nord di Goteborg (Svezia), ha visto l’ennesimo passo in avanti di Antonio Cairoli verso l’obiettivo del nono titolo iridato. Con il buon vantaggio accumulato sugli inseguitori, Cairoli (Team Red Bull KTM Factory Racing MXGP – KTM 450 SX-F) in vista del finale di stagione ha adottato già dal GP di Svizzera un atteggiamento più prudente e su un tracciato insidioso per i continui scrosci di pioggia, pur interrompendo la sequenza di tre podi consecutivi, ha raccolto l’ennesimo risultato positivo, guadagnando tre punti sul più vicino degli inseguitori, l’olandese Herlings. Ora il suo vantaggio in classifica provvisoria è di 101 punti quando mancano tre GP al termine del campionato. Buon quinto in qualifica, Cairoli la domenica in gara uno non è partito bene e nelle prime fasi di gara si è trovato a rimontare dalle retrovie.

Intelligenza tattica
Quindicesimo al primo giro, e già nei dieci a metà gara, ha concluso la manche in nona posizione ma vicinissimo al settimo posto. Sulla difensiva anche in gara due, Cairoli è transitato in nona posizione al primo giro. Dopo pochi giri gli è stato segnalato il ritiro di Herlings, ed ha continuato a guidare evitando i problemi e risalendo fino alla settima posizione, portando a compimento un risultato di giornata più che positivo in ottica campionato. Spiega Cairoli: «Nel nostro sport c’è l’errore e c’è il rischio, e in questa fase dobbiamo pensare al risultato finale cercando di evitare le difficoltà, l’obiettivo che conta è portare il titolo a KTM e non la gara singola. Lo stiamo facendo con esperienza, senza pressione. Oggi la pista era insidiosa ed ho fatto qualche piccolo errore e in gara uno ho avuto qualche problema al via con il cancelletto, ma alla fine sono stato anche fortunato ed ho potuto gestire la seconda manche senza dover forzare. Su una pista dove ho avuto certamente risultati migliori (sei vittorie di GP), il weekend è stato comunque positivo ed ora pensiamo alla prossima».