18 novembre 2019
Aggiornato 23:30

Martin sempre in pole, Bulega ritrova la prima fila

Quinta partenza al palo consecutiva, la sesta in totale, per lo spagnolo del team Gresini, che si conferma mago del giro secco. Tra i nostri portacolori svetta invece Nicolò, il pilota del team Sky Vr46, che centra la terza casella sulla griglia di partenza in una qualifica bagnata

ASSEN – Un altro sabato di grandi emozioni per il team Gresini che ad Assen conquista la sesta pole position 2017 grazie ad una prova di forza assoluta di Jorge Martin: il numero 88 porta a casa la sua quinta partenza al palo consecutiva in questa stagione (sei totali) con un ultimo giro da brividi. Lo spagnolo non fa prigionieri nemmeno sul tracciato della Cattedrale e, nonostante la pioggia, mette a segno il giro perfetto proprio sulla bandiera a scacchi, rifilando otto decimi al primo rivale (Bo Bendsneyder) e addirittura un secondo e sette decimi al terzo classificato Bulega. «La sessione di qualifica è stata molto diversa rispetto alle prove libere – racconta Martin – Era difficile trovare il feeling ma, pole a parte, sono felice del ritmo che abbiamo trovato ieri sull’asciutto in vista della gara di domani. Me la sono giocata fino all’ultimo con Bo, che qui gioca in casa ovviamente, e alla fine è arrivato un altro gran risultato. Domani se dovesse piovere sarà un terno al lotto perché con così poca aderenza vincerà chi rimane in piedi, con pista asciutta proveremo a tirare forte fin dall’inizio e giocarmela fino all’ultima curva».

Bulega migliore degli italiani
Nicolò Bulega ritrova il feeling con la sua Ktm e, in una sessione di qualifica caratterizzata da pioggia battente, conquista la prima fila. Nicolò, che aveva faticato ad adattarsi alle condizioni dell'asfalto ieri, nelle fasi preliminari della sessione segna un ottimo 1:59.308 che gli vale la terza posizione sotto la bandiera a scacchi: «All'inizio della qualifica ho cercato di imporre subito il mio ritmo per prendere confidenza in queste condizioni, ho segnato un buon tempo, ma ho continuato a spingere – spiega il pilota del team Sky Vr46 – Più l'asfalto si asciugava, più cercavo di tirare, più mi sembrava di guidare sul sapone. Una situazione davvero particolare da gestire e, di fatto, ho centrato questa prima fila proprio nelle fasi preliminari del turno. Domani sarà una gara sull'asciutto, con condizioni molto simili a quelle di ieri e dobbiamo quindi rimetterci subito al lavoro. Per me, che fatico in partenza, è sempre importante scattare a ridosso dei primissimi per rimanere nel gruppo di testa».