7 dicembre 2021
Aggiornato 03:00
Il padre lamenta il disinteresse del mondo del motociclismo

La prima foto di Max Biaggi in ospedale: con lui c'è la sua Bianca Atzei, ma nessun pilota

Il campione di motociclismo sta facendo progressi a due settimane dal brutto incidente durante un allenamento in Supermotard a Latina, in cui ha riportato la frattura di undici costole e un drenaggio ai polmoni. Al suo fianco resta l'inseparabile fidanzata, che ha pubblicato un'immagine intima

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/06/20170609_video_14493997.mp4

ROMA – Una mano che stringe l'altra. È la prima immagine di Max Biaggi dopo il suo terribile schianto, scattata nel reparto di rianimazione dell'ospedale San Camillo a Roma in cui è ricoverato il campione di motociclismo. La foto è stata postata su Instagram dalla cantante Bianca Atzei, fidanzata del pilota romano vittima due settimane fa di un grave incidente su una pista a Latina mentre si stava allenando con la Supermotard. Nel commento viene citata anche una canzone di Vasco Rossi: «Stammi vicino e ogni cosa vedrai che col tempo tutto si aggiusterà». E poi degli hashtag all'insegna dell'ottimismo: «#ioete #stammivicino #forzamax #loveyou #maiarrendersi #sperare».

Il silenzio dei colleghi
La vicinanza e il sostegno che Bianca sta amorevolmente donando al suo Max in questi giorni difficili, del resto, è stata testimoniata pubblicamente anche dal padre del sei volte iridato: «Lei è qui al San Camillo da giovedì scorso, ha annullato tutti i suoi impegni e non lo ha abbandonato mai, nemmeno per un minuto – ha raccontato il genitore alla Gazzetta dello Sport – Mio figlio la vuole sempre con sé e la direzione sanitaria le ha concesso un permesso speciale che le consente di stargli sempre vicino. Praticamente, da quel drammatico giorno, vive in ospedale e con me è sempre molto gentile». Al contrario, fa notare papà Biaggi togliendosi comprensibilmente qualche sassolino dalla scarpa: «Io qui in ospedale piloti non ne ho visti, però è molto probabile che alcuni abbiano mandato dei messaggi direttamente a Max». Il mondo delle due ruote, in effetti, ha riservato poche parole di incoraggiamento al centauro capitolino, se si eccettua un fugace augurio del suo storico avversario Valentino Rossi nell'immediatezza dell'incidente e un messaggio che Danilo Petrucci ha voluto inviargli «a nome di tutto il motociclismo». In compenso a trovarlo sono passati tanti altri volti noti, dal presidente del Coni Giovanni Malagò a Fabrizio Frizzi a Renato Zero e ad alcuni calciatori. Visite di amici veri che sicuramente stanno aiutando Max Biaggi a trovare la forza e la pazienza per riprendersi dalle delicate lesioni riportate nella caduta: undici costole fratturate e un drenaggio toracico che ha reso più difficoltoso il recupero della normale funzionalità dei polmoni. I progressi, comunque, si vedono, tanto che si attendono a breve le dimissioni dal reparto di rianimazione.

(da fonte Askanews)