24 ottobre 2019
Aggiornato 01:00

Martin il più veloce, ma penalizzato: Di Giannantonio risale in prima fila

Lo spagnolo del team Gresini avrebbe conquistato la quarta pole position della sua stagione in Moto3, ma i commissari gli hanno inflitto dodici posizioni di penalità. Buona notizia per il suo compagno di squadra italiano, che guadagna la terza piazza. Bene anche Nicolò Bulega e Romano Fenati

Fabio Di Giannantonio partirà dalla terza posizione della griglia di partenza
Fabio Di Giannantonio partirà dalla terza posizione della griglia di partenza Gresini Racing

SCARPERIA – Il più veloce sul singolo giro in questa stagione di Moto3 si conferma Jorge Martin, conquistando la quarta pole position 2017 dopo quelle di Losail, Jerez de la Frontera e Le Mans. Con il tempo di 1:57.176 il numero 88 trova nuovamente il centro del parco chiuso con McPhee e Mir ai suoi lati, staccati di quasi due decimi. Lo spagnolo dovrà però scontare una penalità di 12 posizioni sulla griglia di partenza di domani, per aver girato troppo lentamente in tre settori della pista durante le prove libere in maniera reiterata. «È stata una giornata tutto sommato positiva – ammette il pilota del team Gresini – Sono contento perché con la gomma da gara mi sento davvero bene e poi è arrivata anche la pole position quindi giornata completa. Domani sarà dura perché alla fine partirò 11º per la penalità, ma siamo positivi. Ci sarà da stare attenti nel primo giro per evitare problemi, superare il prima possibile chi mi precede, e provare a vincere la gara».

Ne approfitta Di Giannantonio
Per il suo compagno di squadra Fabio Di Giannantonio la quarta piazza è altrettanto positiva: l’italiano trova al Mugello la miglior qualifica in carriera (fu 5° a Brno lo scorso anno) e domani, complice la penalità di Martin, scalerà in prima fila nel Gran Premio di casa. «Finalmente un fine settimana iniziato bene! – esulta il romano – Ieri siamo stati veloci, oggi abbiamo sofferto in mattinata dove le temperature più basse ci creano qualche problemino in più soprattutto sull’anteriore, ma in qualifica siamo stati molto bravi. Partiremo in prima fila con le varie penalità: domani sarà una bella gara! Parto davanti, una sensazione che non ho mai provato, quindi darò gas e vediamo come va».

Bulega e Fenati subito dietro
Tra i protagonisti c'è anche Nicolò Bulega. Il giovane pilota dello Sky Racing Team Vr46, tra i più veloci e consistenti già dalle libere di ieri, a metà turno, è vittima di una violenta caduta, fortunatamente senza conseguenze. Tornato in pista a ridosso della bandiera a scacchi, grazie all'incredibile lavoro di tutti i membri del team, Nicolò firma un buon 1:57.768, tempo che gli vale la quinta posizione a sei decimi dal poleman di giornata. «È stata una qualifica all'ultimo respiro – racconta Bulega – Purtroppo l'high side a metà del turno ha complicato i piani, ma grazie al grande lavoro di tutti i meccanici e dell'intero team sono riuscito a tornare in pista per il mio ultimo tentativo. Ero da solo, ho dato il massimo, ma non è facile essere veloci su questo tracciato senza scie. Ci ho provato e sono molto contento di questa seconda fila. Non vedo l'ora della gara». Seconda fila per Romano Fenati, settimo: «È andata bene anche se ci aspettavamo qualcosa di più. Ad ogni modo cercheremo di fare una buona partenza domani e daremo il massimo in gara!».

Nicolò Bulega in azione nelle qualifiche al Mugello
Nicolò Bulega in azione nelle qualifiche al Mugello (Sky Vr46)