13 aprile 2024
Aggiornato 12:00
Calcio

Milan: Calabria-De Sciglio, ennesimo disastro

I due terzini di Montella hanno dato vita contro l’Empoli ad un’altra prova sconcertante che dovrebbe far riflettere non poco i dirigenti rossoneri in vista della prossima stagione

Mattia De Sciglio, terzino del Milan e della nazionale italiana
Mattia De Sciglio, terzino del Milan e della nazionale italiana Foto: ANSA

MILANO - Basta. I tifosi del Milan ne hanno viste troppe e sperano che al limite della sopportazione siano arrivati anche allenatore e dirigenti della società rossonera per le prove orripilanti dei due terzini milanisti, Mattia De Sciglio (perfino capitano) e Davide Calabria. Già nel derby contro l’Inter, i due laterali rossoneri ne avevano combinate di tutti i colori, rendendosi responsabili di entrambe le reti interiste; contro l’Empoli, poi, ecco l’ennesima prestazione tragicomica dei due: impacciati, imbambolati, deboli fisicamente, caratterialmente e tecnicamente, inutili in fase di spinta, dannosi nelle azioni difensive. De Sciglio è uscito nel secondo tempo fra i fischi assordanti di San Siro ed il suo mancato rinnovo di contratto lo sta spingendo sempre più lontano da Milanello per fortuna dei tifosi milanisti e di una società che vuole tornare grande. Nel dopopartita, poi, anche un battibecco con alcuni tifosi che hanno insultato il difensore chiedendogli pure di rinunciare alla fascia di capitano. Anche Calabria contro l’Empoli ha fornito una prova disastrosa, confermandosi inconcludente in fase offensiva e distratto quando difende, come dimostra anche l’errore nel finale che ha lanciato Maccarone solo davanti a Donnarumma e dal quale il numero 96 milanista si è rialzato scuotendo la testa, lo stesso gesto di ogni sostenitore rossonero, stanco di lui, di De Sciglio e delle loro espressioni scialbe e povere di grinta.