9 dicembre 2019
Aggiornato 06:30

L’Europa scappa, Lazio-Milan decisiva per i rossoneri

Atalanta, Inter e Fiorentina corrono, gli stessi biancocelesti sono davanti alla squadra di Montella, chiamata ad una risposta convincente per non perdere il treno Uefa

ROMA - Il Milan è a Roma, pronto a giocare un Lazio-Milan che racconta molto più della semplice sfida fra squadre in corsa per un posto in Coppa Uefa. Sì, perché al di là di quanto raccontino Pioli e compagni (peraltro legittimamente), Juventus, Roma e Napoli hanno fra le mani saldamente le prime tre posizioni ed è quindi decisamente inutile illudersi per gli altri: la Coppa dei Campioni è un affare già chiuso. L’Uefa no, quella è raggiungibile dalla coppia nerazzurra Atalanta-Inter che occupano quarto e quinto posto a 45 punti, dalla Lazio a 43, quindi da Milan e Fiorentina (che si scontreranno domenica prossima a San Siro) a 40. I rossoneri, dopo tre sconfitte consecutive e il rocambolesco successo di Bologna, hanno l’obbligo di non perdere il treno europeo e per farlo devono provare a vincere a Roma, agganciare la squadra di Simone Inzaghi e rientrare pienamente in lotta per il quarto e per il quinto posto, gli unici sicuri, perché il sesto, qualora la Coppa Italia la vincesse proprio la Lazio stessa, potrebbe non bastare a raggiungere la Uefa, obiettivo dichiarato da Montella sin dal ritiro estivo. Viceversa, un successo laziale, allontanerebbe vertiginosamente i rossoneri dalla lotta per le prime sei posizioni, costringendoli ad una rincorsa forsennata negli ultimi tre mesi di stagione. Ecco perché Lazio-Milan, nonostante il tecnico rossonero abbia dichiarato il contrario alla vigilia della sfida, assume un significato importantissimo per la squadra milanista, chiamata ad una prova di forza per non perdere ulteriore terreno in classifica e prepararsi alla successiva gara contro la Fiorentina, altro spareggio ed altro crocevia per quel ritorno in Europa che a Milanello aspettano da tre anni.