20 luglio 2019
Aggiornato 11:01

Sacchi giudica il derby di Milano: “Non mi sono esaltato a guardarlo”

L’ex allenatore rossonero si esprime negativamente sul 2-2 andato in scena domenica nella stracittadina milanese

MILANO - Forse gli spettatori neutrali si sono divertiti, ammesso e non concesso che ci abbiano capito qualcosa con quelle maglie strampalate che indossavano Milan ed Inter, probabilmente si sono divertiti poco i tifosi delle due squadre, i milanisti delusi da un 2-1 ormai in cassaforte e strappato dal gollonzo di Perisic a tempo scaduto, gli interisti affranti da un risultato tutto sommato inutile vista una classifica deficitaria. E non sembra essersi divertito neanche Arrigo Sacchi, ex allenatore del Milan, che a proposito della partita di San Siro ha affermato: «Il pareggio fra Milan ed Inter è un risultato giusto, certo chi subisce un gol al 92’ ci resta male, ma il risultato è corretto per quanto visto in campo. Inter meglio del Milan, ma ha avuto un predominio scialbo, irrilevante, mentre i rossoneri stavano lì quasi esclusivamente per difendersi, ma tutto sommato direi che è stato uno spettacolo mediocre, una partita poco esaltante, la cornice di pubblico che c’era allo stadio meritava di più».

Tutto ampiamente previsto

Un’analisi tecnica, come spesso accade con Sacchi, ma che forse non tiene conto della qualità delle due compagini milanesi: il Milan sta vivendo una stagione quasi miracolosa, è secondo in classifica (seppur in coabitazione con la Roma) nonostante un organico poco rinforzato rispetto alla passata disastrosa stagione e sta sfruttando il grande lavoro di Vincenzo Montella; l’Inter, dal canto suo, con tre allenatori diversi in appena quattro mesi, vive alla giornata, acciuffa quel che può senza una programmazione precisa, né tecnica e né tantomeno societaria: con tali presupposti era preventivabile che lo sfarzo ci sarebbe stato solo sugli spalti; per quello in campo, magari, ripassate l’anno prossimo.