18 agosto 2022
Aggiornato 12:00
Calcio

Pedullà: "Zielinski verso il Napoli, il Milan ha tentennato troppo"

Ennesima beffa per i rossoneri, bruciati dai partenopei nella corsa al centrocampista offensivo polacco che pareva ad un passo dalla firma con Galliani

MILANO - E' finita anche per Zielinski. Il Milan continua a leccarsi le ferite in un'estate disastrosa, piena di nomi, di promesse ma di zero affari conclusi. Un'ecatombe che prosegue senza sosta, fra l'indignazione e la rassegnazione del pubblico, e fra il silenzio assordante di Adriano Galliani che quantomeno risparmia ai poveri tifosi rossoneri le solite castronerie del tipo "siamo ultracompetitivi per il terzo posto", "la squadra è a posto così». L'ultimo caso in ordine di tempo è quello di Piotr Zielinski, centrocampista offensivo di proprietà dell'Udinese e rivelazione dell'Empoli nell'ultimo campionato; il polacco sembrava destinato al Milan con tanto di approdo del procuratore in Italia per definire i dettagli con Galliani e tanto di sorpasso a Liverpool, Napoli e Borussia Dortmund. Certo, lontani da Rivaldo, Rui Costa e Kakà, ci mancherebbe, ma pure sempre un'operazione di rilievo per uno dei giovani migliori dell'ultima annata; e invece, ecco la nuova beffa. Alfredo Pedullà, noto giornalista esperto di calciomercato, infatti, rivela come l'immobilismo del Milan abbia fondamentalmente indispettito Zielinski che, stufo di attendere una telefonata che da Milanello non arriverà mai, è tornato indietro sui suoi passi scusandosi col Napoli per un atteggiamento troppo brusco avuto un mesetto fa e ricandidandosi come possibile obiettivo dei partenopei che starebbero, sempre a quanto riporta Pedullà, riallacciando i rapporti con l'entourage del polacco per portarlo a Napoli entro la prossima settimana. Milan bruciato, insomma, non dal sole dell'estate ma dalla sua stessa inconsistenza societaria. Un calvario senza fine.