31 ottobre 2020
Aggiornato 11:00
GP d'Italia amaro ma spettacolare

La Yamaha tradisce Vale: al Mugello vince Lorenzo

La rottura del motore priva il Dottore della gioia in casa. Trionfano i due spagnoli, autori di un ultimo giro da cineteca, tra sorpassi e controsorpassi: al traguardo Por Fuera scavalca Marquez per appena 19 millesimi

Valentino Rossi in azione al Mugello
Valentino Rossi in azione al Mugello Yamaha

SCARPERIA – I due spagnoli restituiscono a Valentino Rossi il favore subìto a Jerez: lo beffano in casa, al Mugello, dopo che il campione di Tavullia è stato messo fuori gioco da un guasto tecnico alla sua moto. La favola di Vale in casa dura soli otto giri: infilato dal compagno di squadra in partenza, gli rimane francobollato dimostrando di avere un passo migliore, e tentando più di una volta il sorpasso in fondo al rettilineo, finché il motore della sua Yamaha esplode in una nuvola di fumo bianco, proprio come quella che aveva messo fine al warm up di Por Fuera nella mattinata. Ma all'ultimo giro non è comunque mancato lo spettacolo: Jorge Lorenzo, fino a quel momento leader indiscusso della gara, è stato superato per ben due volte da Marc Marquez, salvo poi riprendersi il successo proprio al photofinish (per appena 19 millesimi) sul rettilineo del traguardo. Bella pure la battaglia per il terzo posto, a lungo combattuta tra i due ducatisti Andrea Dovizioso, risalito dall'undicesima posizione in griglia di partenza, e Andrea Iannone, che invece la sua rimonta l'ha dovuta compiere a causa di uno scatto balbettante. Ad avere la peggio è stato Desmodovi, a causa di una staccata troppo arrembante a cinque giri dalla fine: così il Maniaco è salito sul gradino basso del podio, davanti a Dani Pedrosa, mentre Dovizioso si è dovuto accontentare del quinto posto. Ora in classifica mondiale è sempre più leader Lorenzo, con 115 punti, inseguito da Marquez a quota 105 e Rossi a 78.