13 novembre 2019
Aggiornato 17:30

Jacobelli: “Honda ha detto quello che pensano tutti i milanisti”

Il noto giornalista esce dal coro di chi ha aspramente criticato le dichiarazioni del fantasista giapponese del Milan che elencava gli errori della società rossonera negli ultimi tre anni

MILANO - Keisuke Honda non ci è andato leggero qualche settimana fa quando in Giappone ha dichiarato che la società Milan negli ultimi anni ha sbagliato diverse valutazioni, esonerando allenatori a raffica quando invece le magagne erano a monte, dalla scelta di giocatori ormai a fine carriera alla cessione dei calciatori più forti. Da quel giorno il fantasista nipponico, già fischiato per le sue scialbe prestazioni in campo, è stato subissato di critiche feroci dall’ambiente milanista; oggi Xavier Jacobelli, direttore editoriale della redazione digitale dei quotidiani sportivi e delle altre testate del gruppo Amodei, ha invece difeso le parole dell’ex calciatore del Cska Mosca: «Io non capisco cosa ci sia di criticabile nelle parole di Honda - afferma l’ex direttore di Tuttosport - che ha semplicemente detto cose che sono sotto gli occhi di tutti. Il giapponese è un giocatore del Milan e ha il diritto di esprimere la sua opinione, e poi vogliamo parlare degli errori di Berlusconi e Galliani dal 2012 a oggi? Campagne acquisti bislacche, calciatori a cui è stato rinnovato il contratto e che anni fa a Milanello non avrebbero neanche messo piede, da anni il Milan non è più il Milan e Honda ha detto pubblicamente ciò che i tifosi milanisti si ripetono da quasi quattro anni, non vedo lo scandalo».