27 febbraio 2020
Aggiornato 22:30
Atletica | Maratona

Meucci secondo nel diluvio

Il secondo posto centrato nella notte italiana a Otsu (Giappone), nella Maratona di Lake Biwa, conferma la crescita dell'azzurro, sempre più specialista internazionale dei 42km. Meucci si inchina solo al keniano Samuel Ndungu.

OTSU - La pioggia rovina i progetti di Daniele Meucci, ma il secondo posto centrato nella notte italiana a Otsu (Giappone), nella Maratona di Lake Biwa, conferma la crescita dell'azzurro, sempre più specialista internazionale dei 42km. Meucci si inchina solo al keniano Samuel Ndungu (2h09:08, per lui bis dopo il successo ottenuto nel 2012 in 2h07:04), fuggito intorno al trentesimo chilometro, ma legge bene la parte finale di gara e regola i compagni di corsa in 2h11:10, due soli secondi oltre il suo personale (il crono con cui si è imposto a Zurigo, lo scorso agosto, nei Campionati Europei).

RISULTATO NOTEVOLE - «Quello di Meucci - racconta dal Giappone il DTO Massimo Magnani, che è anche l'allenatore del portacolori dell'Esercito - è un risultato davvero notevole. Anzi, direi che è un ulteriore passo in avanti sulla strada che porta all'Olimpiade di Rio de Janeiro. Oggi le condizioni erano davvero al limite, con pioggia continua, a tratti battente, vento in più punti, e temperatura molto bassa. Daniele ha dimostrato di sapersi muovere in corsa con grande capacità tattica, di fronte ad avversari molto più esperti di lui. Non è arrivato un tempo di rilievo, ma posso dire che quel che ha fatto oggi certifica il suo valore, non solo in prospettiva».