9 dicembre 2019
Aggiornato 06:30

Colpaccio Sky, preso Guido Meda per la MotoGP

La voce storica del Motomondiale targato Mediaset passa alla tv satellitare e diventa vicedirettore Sky Sport

MILANO - Che Sky avesse il mezzo più potente di tutti, per dirla in termini motoristici, lo avevamo capito tutti sin dalla prima messa in moto, ops, in onda. Quel che altrettanto subito si era capito, però, era che gli mancasse il pilota per raggiungere la perfezione. Problema risolto, anche se con un anno di ritardo. Dalla prossima stagione il Motomondiale tornerà ad avere la voce storica di Guido Meda che lascia Mediaset per una proposta con i fiocchi, di quelle a cui proprio non si può dire di no: vicedirettore di Sky Sport, capo della redazione Motori, compresa la Formula 1, e voce delle gare di MotoGP.

GUIDO MEDA - «Per uno come me, da sempre appassionato di moto, di auto, di sport e del proprio mestiere, è difficile immaginare qualcosa di meglio. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura. Raccontare i motori con la squadra, la tecnologia e la qualità di Sky Sport è entusiasmante e sono felice di mettere a disposizione di questo grande gruppo l’esperienza che ho maturato negli anni. Il progetto che mi è stato affidato è importante e ne sono davvero orgoglioso. Vorrei che il risultato fosse un lavoro interessante e divertente per chi lo fa e per chi lo segue».

JACQUES RAYNAUD - «Siamo molto felici di aprire il nuovo anno con questa notizia, straordinaria per i nostri abbonati - commenta con soddisfazione Jacques Raynaud, Executive Vice President Sky Sport e Sky Pubblicità –. L’arrivo di Guido Meda va a rafforzare e arricchire uno dei nostri pilastri, quello dei motori, che con una grande offerta live in Alta Definizione ha già raccolto ottimi risultati. Vogliamo continuare a migliorare, a crescere e a pensare al meglio per i nostri abbonati. E siamo certi di andare in questa direzione potendo contare da oggi anche sull’esperienza e la professionalità di Guido Meda».

IL MEGLIO DEL MEGLIO - Anche per il 2015 Sky detiene i diritti per la trasmissione in esclusiva di tutte le gare in diretta del Motomondiale (MotoGP, Moto2 e Moto3) e del campionato del mondo di Formula 1. Avere Meda come telecronista contribuirà di certo a convincere molti fedelissimi Mediaset ad abbonarsi alla tv satellitare per vivere i gran premi di auto e moto come meglio non potrebbero. Se poi Valentino Rossi dovesse davvero puntare al decimo titolo, beh, che dire, non godersi lo spettacolo sarebbe davvero imperdonabile.