26 febbraio 2024
Aggiornato 22:00
Lega Serie A

Petrucci: «Investiamo sul basket italiano»

Presentato il torneo al via nel weekend. «Ad ogni partita del Campionato di Serie A sarà suonato l'Inno nazionale». Così il presidente Fip Giovanni Petrucci alla presentazione del 93esimo Campionato di Serie A. Panigiani: «Serve un gruppo allargato»

ROMA - «Ad ogni partita del Campionato di Serie A sarà suonato l'Inno nazionale». Così il presidente Fip Giovanni Petrucci alla presentazione del 93esimo Campionato di Serie A. «Faccio mia l'idea di un grande campione come Renato Villalta, attuale presidente della Granarolo Virtus Bologna - ha continuato Petrucci -. Oggi mi rivolgo a tutti i presidenti di Serie A, e al presidente della Lega Fernando Marino in testa, affinché spingano in questa direzione, che il Campionato italiano sia il campionato degli italiani nell'ottica della Nazionale. Non dico che non vadano presi gli stranieri di alto livello, ma non è pensabile, visto l'alto numero di giocatori comunitari ed extracomunitari, che gli allenatori debbano parlare inglese altrimenti non fanno carriera».

PUNTIAMO SULLA NAZIONALE - «Il nostro è uno sport intelligente, i numeri ci danno ragione, ma la pallacanestro è sempre sul punto di... fare il grande salto. La Nazionale può lavorare in tal senso. Il Ct Simone Pianigiani, con il suo staff, sta lavorando bene. Sarà un campionato interessante che dovrà preparare al meglio i nostri giocatori per arrivare all'Europeo».

PANIGIANI: SERVE UN GRUPPO ALLARGATO - Accanto al Presidente Petrucci anche Simone Pianigiani: «Abbiamo vissuto un'estate bella con la Nazionale - ha affermato il Commissario tecnico - all'interno della quale i nostri giocatori hanno mostrato la faccia giusta, di chi vuole provare a confrontarsi con la ribalta internazionale. La speranza è che tutte le componenti della pallacanestro siano sempre più unite e lavorino per supportare questa generazione di giocatori. Da anni la Federazione lavora per ampliare il numero dei giocatori di potenziale interesse per la Nazionale, all'Europeo si va in 12 ma per noi è fondamentale che si formi un gruppo allargato di atleti pronti a vestire la Maglia Azzurra, anche in previsione degli impegni futuri che ci attendono».

MARINO: PIÙ BASKET SUI MEDIA - Per il presidente della Lega di serie A Marino «l'impegno che vogliamo prenderci è quello di avere più basket in tv, sui giornali e sul web. Vorremmo che un giorno si possa dire 'basta basket. È troppo'», cosa che finora non è mai avvenuta. Al via del prossimo campionato ci sono 16 città innamorate di questo sport. «Cerchiamo di trovarne altre e di ridurre il divario che abbiamo col calcio», ha concluso.