24 gennaio 2022
Aggiornato 00:30
Calcio

Il Guangzhou di Marcello Lippi ha vinto la Champions d'Asia

Tripletta del ct italiano con i cinesi, dopo la vittoria in Campionato e Coppa cinese. La formazione cinese guadagna inoltre il diritto di partecipare al prossimo Mondiale per club in programma a dicembre in Marocco

PECHINO - Il Guangzhou Evergrande di Marcello Lippi ha vinto la Champions d'Asia per la prima volta nella sua storia. Alla squadra cinese è bastato pareggiare 1-1 la finale di ritorno contro il Seul, dopo che il match d'andata in Corea era terminato 2-2. Il tecnico viareggino, che aveva già vinto la Uefa Champions League nel 1996 sulla panchina della Juventus, può festeggiare la tripletta: con il suo Guangzhou aveva già vinto il Campionato e Coppa cinese.

Si gioca in uno Yuexiushan Stadium completamente esaurito. I tifosi del Guangzhou, vestiti con la maglia della loro squadra del cuore, formano una vera e propria muraglia rossa sulle tribune e il colpo d'occhio è sensazionale. Il primo tempo è un monologo della squadra di Lippi, che sfiora il gol in più occasioni soprattutto grazie alle iniziative di Elkeson e Conca, i suoi due uomini migliori. Ma il Seul si salva, anche con un pizzico di foruna, e si va al riposo sullo 0-0.

Stesso copione nella ripresa e al 58' il Guangzhou passa in vantaggio. Muriqui fa partire un contropiede e serve in velocità Elkeson che aggancia in corsa, entra in area e segna con un piattone di destro. Lippi esulta in panchina, ma quattro minuti più tardi il Seul pareggia: Damjanovic sfrutta un assist di Escudero e batte Cheng con un destro a fil di palo. Tutto riaperto, l'ultima mezz'ora è da brividi perché a questo punto ai coreani basta un altro gol per mettere le mani sulla Champions. I tifosi del Guangzhou tremano all'84', quando Yoon fa partire un diagonale che termina di poco a lato.

Dopo tre minuti di recupero arriva il fischio finale: in campo e sulle tribune esplode la festa, il Guangzhou Evergrande di Marcello Lippi è sul tetto d'Asia. La formazione cinese guadagna inoltre il diritto di partecipare al prossimo Mondiale per club in programma a dicembre in Marocco: se dovesse riuscire a eliminare i campioni d'Africa ai quarti, in semifinale se la vedrebbe con il Bayern Monaco di Pep Guardiola.