20 settembre 2019
Aggiornato 11:30

Vince Amador, Hesjedal in rosa

Nella prima tappa di montagna con arrivo a Cervinia il costaricense (il primo in assoluto al Giro) della Movistar ha regolato i due compagni di fuga, il polacco Jan Barta e l'italiano De Marchi. Quarto è arrivato il canadese Ryder Hesjedal

CERVINIA - È di Andrey Amador la prima tappa alpina con arrivo a Cervinia di questo 95esimo Giro d'Italia. Nella 14esima frazione, partita da Cherasco e durata 206 chilometri, il costaricense (il primo in assoluto al Giro) della Movistar ha regolato i due compagni di fuga, il polacco Jan Barta e l'italiano De Marchi. Quarto, a 20sec., è arrivato il canadese Ryder Hesjedal, che è fuoriuscito dal gruppo dei migliori a 3 chilometri dell'arrivo e ha staccato tutti, riconquistando la maglia rosa. Quinto, a 46sec., Paolo Tiralongo, che ha vinto lo sprint degli uomini di classifica, arrivati un po' stanchi, forse per il freddo e la pioggia: Basso, Pozzovivo, Scarponi, Frank Schleck, Uran e l'ex leader Joaquin Rodriguez sono giunti assieme.

CLASSIFICA GENERALE - In classifica generale, Hesjedal (Garmin) vanta 9sec. su Rodriguez (Katusha) e 41sec. su Tiralongo (Astana). Ad oltre un minuto Casar, Basso, Scarponi e Kreuziger. Da segnalare che prima del via della tappa si sono ritirati due velocisti come Matthew Goss e Mark Renshaw. Domani si torna a salire con la 15esima frazione: Busto Arsizio-Pian dei Resinelli, 169 chilometri con tre asperità e l'arrivo in quota.