21 novembre 2019
Aggiornato 15:00

Consiglio di Stato: la tessera del tifoso può essere una pratica scorretta

Accolto l'appello presentato da Codacons e Federsupporter contro la decisione del Tar del Lazio. Cancellieri: Grande rispetto per la Sentenza del Consiglio di Stato. L'Osservatorio del Viminale: L'uso della tessera resta inalterato e necessario

ROMA - La VI sezione del Consiglio di Stato ha accolto l'appello presentato da Codacons e Federsupporter contro la decisione del Tar del Lazio che nelle scorse settimane aveva respinto il ricorso contro la «tessera del tifoso' presentato dalle due organizzazioni. Codacons e Federsupporter contestavano nel ricorso in particolare il fatto che, per ottenere la tessera e di conseguenza abbonamenti e biglietti, i tifosi fossero costretti ad acquisire una carta di credito ricaricabile, circostanza che rischia di condizionare le scelte economiche dei tifosi e dei consumatori. Il Consiglio di Stato, accogliendo l'appello dei due enti, ha così motivato: «L'abbinamento inscindibile (e quindi non declinabile dall'utente) tra il rilascio della tessera di tifoso (istituita per finalità di prevenzione generale in funzione di una maggiore sicurezza negli stadi) e la sottoscrizione di un contratto con un partner bancario per il rilascio di una carta di credito prepagata potrebbe condizionare indebitamente (nella misura in cui si provi che l'uso della carta non sia funzionale ad assicurare le finalità proprie della tessera del tifoso) la libertà di scelta del tifoso-utente e potrebbe pertanto assumere i tratti di una pratica commerciale scorretta ai sensi del Codice del consumo».

Il Consiglio di Stato spiega anche che in questo senso «depone il fatto che, per il tifoso, l'ottenimento della tessera appare condicio sine qua per poter essere ammesso, nelle giornate di trasferta della propria squadra, nel reparto dello stadio riservato agli ospiti, di guisa che appare verosimile che l'acquisizione di tale utilità potrebbe indurlo a compiere un'operazione commerciale (sottoscrizione della carta prepagata) che non avrebbe altrimenti compiuto». Sulla base di queste motivazioni, i giudici del Consiglio di Stato ordinano al Tar del Lazio di fissare una nuova udienza e discutere nel merito il ricorso presentato da Codacons e Federsupporter, valutando quindi la sussistenza delle illegittimità denunciate dai due enti.

Cancellieri: Grande rispetto per la Sentenza del Consiglio di Stato - «Grande rispetto, sempre, per le sentenze». E' quanto premette il ministro dell'Interno, Anna Maria Cancellieri, commentando il pronunciamento del Consiglio di Stato sulla tessera del tifoso. «Leggeremo la sentenza del Consiglio di Stato - ha detto il titolare del Viminale, a margine della firma di un protocollo di intesa con Unioncamere - e poi daremo la nostra risposta e vedremo cosa fare».

L'Osservatorio del Viminale: L'uso della tessera resta inalterato e necessario - L'utilizzo della tessera del tifoso resta inalterato e la pronuncia del consiglio di Stato «non influisce sulla legittimità della tessera del tifoso, che continuerà ad essere necessaria per andare in trasferta». Lo precisa in una nota l'Osservatorio del Viminale sulle manifestazioni sportive che nel corso della riunione di oggi ha esaminato la sentenza del Consiglio di Stato riguardante l'aspetto commerciale della tessera del tifoso. «La sentenza - precisa l'Osservatorio - infatti riguarda soltanto 'l'abbinamento inscindibile tra la tessera del tifoso ed uno strumento di pagamento bancario' che nulla ha a che vedere con le finalità proprie della tessera del tifoso».