18 gennaio 2020
Aggiornato 03:30
Clamoroso a Stoccolma

Gay batte Bolt nel 100 metri

Lo statunitense batte nettamente il recordman giamaicano con il tempo di 9:84, alla prima sconfitta in due anni

STOCCOLMA - Tyson Gay ha vinto la finale dei 100 metri del meeting di Stoccolma con il tempo di 9:84. Lo sprinter statunitense ha dominato e vinto la finale precedendo nettamente il recordman giamaicano Usain Bolt, apparso in affanno e lontano dalla forma che gli consentì di portare il record del mondo a 9:58.

BOLT - «Sono partito davvero male - ha spiegato il 23enne giamaicano poco dopo la bruciante e inaspettata sconfitta - non sentivo spinta nelle gambe. Non posso vincere sempre: ho detto che avrei potuto essere battuto e adesso è successo. Ora devo riconcentrarmi».

GAY - «Sono felice - ha raccontato lo statunitense - ma so anche che Bolt non è al 100 per cento della forma». Quella di Stoccolma è stata la terza sfida sui 100 metri tra Bolt e Gay e nei due precedenti il giamaicano aveva sempre vinto stabilendo il record del mondo: la prima volta a New York il 31 maggio 2008 (limite mondiale abbassato a 9:72, Gay fermo a 9:85), la seconda il 16 agosto 2009 a Berlino (Bolt 9:58, Gay 9:71).