8 dicembre 2019
Aggiornato 14:30

Cota: Bossi ha fatto una battuta, è forse vietato?

Il Presidente della Regione Piemonte: «Io non sono un appassionato»

ROMA - Umberto Bossi «ha fatto solo una battuta». Il presidente della Regione Piemonte, il leghista Roberto Cota, giustifica così la frase del leader del Carroccio sulla partita dei Mondiali di calcio sudafricani in programma domani fra Italia e Slovacchia. «Tanto se la comprano», aveva detto ieri Bossi riferendosi a possibili manovre della Federcalcio per evitare la clamorosa eliminazione dei campioni del mondo. «Ha fatto solo una battuta, se non si possono fare più nemmeno nel calcio...», ha detto questa mattina Cota a Sky Tg24. «La polemica che ne è scaturita è spropositata», ha aggiunto Cota.

In effetti, dopo le parole di Bossi, la Figc è stata costretta a replicare con un durissimo comunicato alla «dichiarazione sconcertante e offensiva» del leghista, che secondo la Federcalcio «ha passato il segno». Cota però domani non tiferà contro gli azzurri: «Io non gufo», ha detto. «Anche perché non sono un appassionato di calcio. Faccio gli auguri agli azzurri, non ho nulla contro la nazionale, ma non si può essere nemmeno obbligatoriamente degli appassionati».