11 luglio 2020
Aggiornato 04:00
Tennis | Roland Garros

Schiavone: che buona questa terra

L'Italiana affronterà in semifinale la Dementieva: «Posso sognare, l'ho già battuta»

PARIGI - Raggiungere la semifinale al Roland Garros «è una sensazione bellissima» e per Francesca Schiavone, che dopo avere battuto questo pomeriggio la danese Carolina Wozniacki ai quarti di finale dell'Open di Francia si è sdraiata ed ha baciato il campo, «la terra del Philippe Chatrier è il piatto più gustoso che abbia mai mangiato».

IL SOGNO - E la tennista italiana, terza nella storia ad arrivare così lontano a Parigi, l'ha assaggiata per bene: «Ne avrò mangiato un etto», ha detto scherzando. «Una vittoria che è la mia, ma anche di tutti quelli che mi vogliono bene davvero. Probabilmente oggi ho giocato la partita migliore della mia carriera. Ricordo tante vittorie incredibili, ma in rapporto all'importanza della posta in palio questa è certamente la numero uno».
Stesa la numero 3 del tabellone, adesso in semifinale troverà la russa Eelena Dementieva, numero 5 del seeding: si può davvero sognare? «Senza sogni saremmo morti...», ha replicato la Schiavone. «Già so cosa devo fare. Sapere di averla battuta in passato è importante, in campo ritrovi certe sensazioni. E' successo anche oggi contro Caroline. La mia tattica? Non la svelo, mi spiace, ma già c'è».