Salute | Vaccinazioni

Vaccini, sì alla vaccinazione di una bimba contro il volere della madre

Accolto il ricorso del padre, contro il volere della madre che non intendeva far vaccinare la figlia. La piccola potrà tornare a scuola

Vaccinazione
Vaccinazione (antoniodiaz | shutterstock.com)

NUORO – Madre 'no vax', padre 'pro vax'. Dopo il ricorso di quest'ultimo, il Tribunale ordinario di Nuoro lo ha accolto. La sentenza ha autorizzato il genitore di una bambina di tre anni a far eseguire alla figlia, contro il volere della madre, i vaccini obbligatori, consentendo così alla piccola di tornare alla scuola materna.

Lo ha riferito La Nuova Sardegna, secondo cui il decreto, emesso il 7 marzo e firmato dal presidente del collegio Riccardo Massera, salvo reclami avrà efficacia dal 17 marzo. Il provvedimento del Tribunale «autorizza a far effettuare alla figlia minore le vaccinazioni obbligatorie anti morbillo, anti rosolia e anti parotite, come prescritte dal Decreto Legge 73/2017, e a porre in essere tutti gli adempimenti necessari per consentire alla minore di frequentare la scuola dell'infanzia». La decisione va contro le convinzioni della madre della bambina, secondo cui una prima serie di vaccini somministrati alla piccola e alla sorella minore avrebbero provocato nelle figlie un deficit di crescita. Tesi non supportata da alcun riscontro medico e quindi non presa minimamente in considerazione dai giudici.