14 dicembre 2019
Aggiornato 00:30
Vaccinazioni e malattie

Morbillo +400%, Burioni: la posizione dell'Italia rispetto agli altri Paesi è vergogna

L'immunologo sottolinea come si vaccinino di più in Burkina Faso e nel Ghana che non in un Paese che si dice civile come l'Italia

Morbillo
Morbillo Shutterstock

ROMA – In Europa i casi di morbillo nell'ultimo anno sono aumentati in modo vertiginoso. E in Italia più che in molti altri Paesi. «Sono dati veramente molto molto molto negativi per noi, perché ci pongono nel mondo in una posizione che non ci compete». Così Roberto Burioni, intervenuto ai microfoni di Radio 24 nel programma Obiettivo Salute di Nicoletta Carbone, commenta i dati dell'Oms da cui emerge che nel 2017 in Europa c'è stato un aumento del 400% nei casi di morbillo.

L'immunologo spiega: «Noi siamo una nazione avanzata con un sistema sanitario estremamente efficiente non abbiamo, come accaduto in Romania problemi di approvvigionamento, i vaccini sono gratuiti e somministrati in maniera capillare in tutto il territorio nazionale. Se andiamo a vedere la nostra posizione per la copertura vaccinale contro il morbillo nel mondo coi dati della World Bank è veramente da provare vergogna». E sottolinea: «Ci sono davanti a noi Paesi come il Burkina Faso, il Ghana e la Tanzania, questi Paesi vaccinano più di noi. Dietro di noi si trovano soltanto Paesi che hanno grandissime difficoltà sociali come il Congo e il Camerun e questo non va bene perché questa bassa copertura vaccinale provoca, per l'appunto, epidemie come questa di quest'anno di morbillo e non solo».

Basse coperture anche per le altre malattie
Il professor Burioni aggiunge ancora: «sono basse anche le coperture per altre vaccinazioni come la poliomielite e la difterite, potremmo addirittura trovarci a rivedere queste terribili malattie se questa pericolosa tendenza non verrà invertita. I genitori devono vaccinare i loro bambini per proteggere sia i loro bambini e per proteggere tutta la comunità». In merito al vaccino del morbillo inserito nel vaccino trivalente il professore chiarisce: «Il vaccino trivalente viene usato in tutto il mondo, in centinaia di milioni di dosi, è un vaccino efficacissimo, più del 98%, è un vaccino sicurissimo», e sull'ipotesi di usare un vaccino per il solo morbillo sottolinea: «è meglio usare qualcosa che è prodotto in milioni di dosi che una formulazione, magari prodotta quasi artigianalmente, in numero molto minore, io non la userei mai».