20 novembre 2019
Aggiornato 23:30
Sesso in menopausa

Sesso in menopausa: dopo i 50 anni si può e bene. Ecco quello che devi sapere

Dopo la menopausa e dai 50 anni in poi si può vivere la sessualità nel migliore dei modi, ma si deve sapere come. Ecco i cambiamenti che si verificano a causa del calo ormonale e le soluzioni per evitarli e godersi la 'nuova' vita sessuale

Sesso in menopausa
Sesso in menopausa Shutterstock

ROMA - Per quasi tutte le donne il traguardo dei 50 anni segna anche una rivoluzione ormonale, che spesso porta a un'altra rivoluzione: quella della vita sessuale. La menopausa d'altronde segna un momento di svolta nella vita di una donna. Non si tratta di un traguardo, come sarebbe logico pensare, piuttosto di un punto di partenza. Nulla è perso, ma tutto è completamente rinnovato. E una donna deve imparare a convivere con i cambiamenti in arrivo: mutamenti che non devono essere considerati come qualcosa di negativo, ma, più semplicemente, come un inedito modo di vivere. Accettare il proprio corpo, nel suo rinnovamento, è il primo passo per sentirsi bene, anche a livello sessuale.

S può avere un orgasmo esattamente come prima
Non è affatto vero che dopo la menopausa non si può assistere a un piacere sessuale come si aveva a un tempo. L’orgasmo, reso possibile grazie alla stimolazione della clitoride, si può ottenere esattamente allo stesso modo. Nonostante si manifestino alcune piccole modifiche proprio in questa zona del corpo. Unico neo: se si soffre di malattia cardiovascolari, aterosclerosi o diabete potrebbero verificarsi delle riduzioni a livello di piacere sessuale. Tuttavia tali condizioni sono totalmente estranee al concetto di menopausa.

Cosa cambia nella vagina e la relativa lubrificazione
La vagina si modifica con il passare del tempo, specie in seguito al calo di ormoni tipico della menopausa. Tra i cambiamenti più evidenti si evidenziano una riduzione delle dimensioni e dell’elasticità della vagina. Ne consegue anche una diminuita lubrificazione che potrebbe rendere più doloroso il rapporto sessuale. D’altro canto questo attrito potrebbe causare irritazioni che si estendono a vescica e uretra. Per migliorare la condizione di lubrificazione è possibile utilizzare prodotti specifici realizzati allo scopo, o parlare di eventuali terapie ormonali (per esempio con i cerotti) con il proprio medico curante.

La stimolazione sessuale aiuta
Uno dei metodi per ovviare a tutti i problemi causati dal calo ormonale, è quello della stimolazione. È importante in questo periodo della vita non avere inibizioni dal punto di vista sessuale. Quindi il proprio partner può aiutare la donna attraverso stimolazioni dirette della clitoride che, a differenza della vagina, non subisce poi così tanti cambiamenti. Non abbiate paura di utilizzare oggetti etichettati come adolescenziali: via libera a sex toys, vibratori e biancheria intima provocante se vi permette di migliorare la vostra vita sessuale.

  • Approfondimento: il laser vaginale
    E se proprio non c’è soluzione al miglioramento della libido a causa di disturbi vulvo-vaginali si può sempre ricorrere al laser. Il suo nome è MonnaLisa Touch, di Deka, si tratta di uno strumento a CO2 che aiuta a produrre collagene, rigenerando le fibre e reidratando la mucosa. Pare non avere controindicazioni, e può essere utilizzato anche dalle persone che sono state sottoposte a terapie oncologiche. Elimina i fastidi più frequenti legati alla menopausa: tra questi bruciore, secchezza, prurito, lassità cutanea e dolore durante i rapporti.

Gli esercizi di Kegel
Un metodo abbastanza sicuro ed efficace per migliorare la propria attività sessuale è quella di eseguire quotidianamente i famosi esercizi di Kegel. Si tratta di sviluppare in maniera armonica i muscoli perianali che, tra le altre cose, sono anche importanti per migliorare l’intensità dell’orgasmo, evitare l’incontinenza e aumentare la libido.

Non diminuire la frequenza dei rapporti
Uno degli errori più comuni è quello di diminuire la frequenza dei rapporti sessuali, ma così facendo si ottiene l’effetto opposto. Uno studio della Chapman University in California, pubblicato sul The journal of sex research ha mostrato come sia estremamente importante avere rapporti ravvicinati durante la menopausa. La ricerca è stata eseguita su un campione piuttosto ampio: 40.000 partecipanti di un’età media di 46 anni. Dai risultati è emerso che per vivere bene la propria sessualità non bisogna cambiare le proprie abitudini, piuttosto mantenere i vizi che si avevano quando si era un po' più giovani. «Sono più felici le coppie che hanno rapporti frequenti, praticano sesso orale e altre varianti, cercano l'orgasmo e comunicano», ha dichiarato David Frederick, coordinatore dello studio. Tra i vari giochetti, i ricercatori consigliano quelli più tradizionali come fare la doccia insieme, massaggi erotici, lingerie sexy e il raccontarsi le proprie fantasie sessuali. «E’ incoraggiante scoprire che oltre un terzo delle coppie ha mantenuto viva la passione per oltre due decenni. Ma non succede col pilota automatico: le coppie ci hanno messo impegno per scongiurare la routine».