18 giugno 2019
Aggiornato 16:30
Cosmetici green e hi-tech

La cosmetica del futuro è hi-tech ma rigorosamente green

La cosmetica del futuro è alle porte. Si pensa a cosmetici completamente naturali e personalizzati ma anche confezioni che dialogano con il nostro smartphone

Cosmetici green e hi-tech
Cosmetici green e hi-tech ( Shutterstock )

Il mondo si sta evolvendo alla velocità della luce. Abbiamo a disposizione una medicina super tecnologica, mezzi di trasporto veloci e autonomi e, perché no, a breve anche cosmetica d’avanguardia. O, per lo meno, queste è la promettente visione - futuristica - di una ricerca condotta dalla Human Highway per Cosmetica Italia.

Tecnologica e green
Ormai non si parla di evoluzione se non è green. È questo l’essere umano (colto) di oggi: attento all’ambiente e alla propria salute, sempre alla ricerca di soluzioni totalmente naturali. E pare che la cosmetica che ci aspetta possieda tutte queste virtù. «I consumatori si aspettano prodotti bio, ecologici e personalizzati, mentre le aziende guardano con maggior interesse ai temi della sicurezza e dell’efficacia», ha dichiarato Giacomo Fusina, fondatore di Human Highway.

Sono i consumatori che scelgono
Qualsiasi prodotto venga messo in commercio, a decretarne il successo sono sempre i consumatori. Spesso però, sono gli stessi acquirenti che suggeriscono alle aziende, grazie alle tendenze del momento, cosa produrre. E la gente oggi chiede prodotti di bellezza totalmente personalizzati ma anche naturali al 100%. Creme biodegradabili non testate sugli animali, prive di parabeni e olio di palma. E pare che tutte queste richieste stiano finalmente per diventare realtà.

La tecnologia è nel packaging
E come si può parlare di evoluzione se non c’è di mezzo la tecnologia? Ecco che dai prodotti di bellezza di domani dovremmo aspettarci qualcosa di più. Per esempio contenitori che siano in grado di preservare totalmente il prodotto affinché non possa essere aggredito dagli agenti esterni, ma anche una scatola in grado di dialogare con il nostro smartphone. Una semplice app installata sul telefonino, per esempio, potrebbe permettere di dialogare con il consumatore offrendo informazioni utili sul prodotto che vogliamo acquistare.

I consigli hi-tech
Il negozio del futuro sarà particolarmente efficiente nel fornire informazioni al potenziale acquirente. Le consulenze saranno effettuate in maniera totalmente personalizzata, ma non solo: si pensa a un punto vendita in grado di creare - al momento – il prodotto di bellezza esattamente come lo vogliamo noi. Il tutto condito da scanner che rilevino il nostro tipo di pelle o necessità indicandoci la soluzione migliore per ridurre il problema. Ma anche specchi digitali in grado di simulare l’effetto finale del make-up.

Più acquisti digitali
Insomma, il green si fonde con il digitale quasi come fosse un’unica entità. Ci saranno così anche più acquisti via internet – in costante crescita negli ultimi anni. Anche se «Questo non significa che lo shopping online soppianterà l’acquisto tradizionale», speiga Fusina. Nonostante ciò sono molte le persone a vedere – in un prossimo futuro – la spesa rigorosamente online.

Insomma, il futuro – anche in campo cosmetico – è alle porte. Non ci resta altro che attendere che arrivino le prime aziende che abbiano il coraggio di fare il grande passo. Dopodiché, ne siamo certi, seguiranno a ruota tutte le altre. Per ora il connubio tecnologia-green è solo un sogno.