26 giugno 2017
Aggiornato 17:30
Salute

Tumori seno e ovaio: no al ticket per le positive ai test predittivi

La mozione approvata dal Senato, ora impegna Governo a valutare la possibilità dell'esenzione dal ticket per le donne pazienti oncologiche

Esenzione dal ticket per le pazienti oncologiche positive ai test?
Esenzione dal ticket per le pazienti oncologiche positive ai test? (Photographee.eu | shutterstock.com)

ROMA - La mozione per l'esenzione dal ticket per le donne pazienti oncologiche è stata approvata dall'Aula del Senato la mozione bipartisan presentata dalla Senatrice Maria Rizzotti e firmata da molti componenti della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato che sancisce l'impegno del Governo a «valutare l'utilità e la possibilità di impegnare e destinare le risorse economiche e ad adottare tutte le misure, anche attraverso accordi all'interno della Conferenza Stato-Regioni, al fine di assicurare l'uniformità di trattamento su tutto il territorio nazionale per l'esenzione dal ticket, riservata già da alcune Regioni, alle portatrici di mutazioni patogenetiche dei geni BRCA1 e BRCA2, garantendo il rispetto del diritto alla salute sancito dall'articolo 32 della Costituzione».

«Questa mozione è stata fortemente voluta da Salute Donna Onlus e dalle altre 12 Associazioni di pazienti oncologici aderenti al Progetto "La Salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere" e al lavoro di membri dell'Intergruppo parlamentare - ha dichiarato Annamaria Mancuso, Presidente di Salute Donna Onlus - ringrazio la Senatrice Maria Rizzotti e tutti i membri della XII Commissione Sanità del Senato che il 23 giugno scorso hanno presentato la mozione, lottando a lungo per la sua calendarizzazione».

Il carcinoma della mammella resta la prima causa di morte tra le donne tra i 40 e i 50 anni. La mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 accresce rispettivamente il rischio di cancro al seno e alle ovaie e le donne portatrici di mutazioni di tali geni hanno un'elevata probabilità (circa il 60%) di sviluppare un tumore mammario nell'arco della vita. Le mutazioni di tali geni conferiscono anche un rischio di carcinoma ovarico tubarico stimato nell'ordine del 40% per il BRCA1 e del 20% per il BRCA2.

Lo screening per il BRCA1 e BRCA2 è strategico per ridurre il rischio delle donne positive, ma risulta oneroso per le pazienti a causa dei ticket di compartecipazione alla spesa degli esami strumentali e delle tecniche di laboratorio.
«L'esenzione del ticket comporterà logicamente la necessità di reperire nuove risorse all'interno dei bilanci delle Regioni - ha aggiunto Annamaria Mancuso - la nostra azione richiede un'attenzione particolare dello Stato su questo tema e il trasferimento di risorse specifiche per garantire l'uniformità di trattamento su tutto il territorio nazionale».

Veneto e Piemonte - sottolinea l'associazione - stanno ragionando su questo tema e ci sono buone possibilità che esse seguano la strada di Lombardia ed Emilia-Romagna. Nelle altre Regioni italiane però tutto tace; è intenzione del Progetto "La Salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere" attraverso gli Interruppi parlamentari nazionali e regionali, di sollevare il tema a più livelli di vigilare concretamente sull'impegno preso dal Governo.