5 giugno 2020
Aggiornato 08:30
Alimentazione e salute

La dieta mediterranea riduce il rischio di ictus e infarto

Gli scienziati confermano ancora una volta i pregi della dieta mediterranea. Questa volta si ritiene possa proteggere dal rischio di infarto del miocardio e ictus, specie nelle persone con disturbi cardiovascolari

AUCKLAND – La dieta mediterranea, vanto del nostro Paese (ma non solo), è stata confermata ancora una volta essere efficace nel promuovere e proteggere la salute delle persone. In particolare, gli scienziati dell’Università di Auckland in Nuova Zelanda hanno scoperto che riduce il rischio di attacco di cuore (o inferto) e ictus – in special modo nelle persone che già soffrono di malattie cardiovascolari, e dunque ancora più a rischio.

Uno studio internazionale lo conferma
Lo studio ha visto il coinvolgimento di oltre 15mila persone di 39 Paesi in tutto il mondo. I risultati, pubblicati sulla rivista European Heart, hanno evidenziato come sia più importante cibarsi di alimenti sani, che non piuttosto evitare quelli malsani. I ricercatori tuttavia sottolineano che questo non significa che allora si devono tranquillamente mangiare cibi malsani, ma che semplicemente è fondamentale una dieta che comprenda quelli più sani.

Gli effetti sulla salute
Le analisi condotte hanno mostrato che per ogni 100 persone che mangiavano una più alta percentuale di sani alimenti della dieta mediterranea, ci sono stati tre volte meno attacchi di cuore, ictus o decessi rispetto ad altre 100 persone che mangiavano la minore quantità di alimenti sani durante i quasi quattro anni di follow-up. Il dottor Ralph Stewart, principale autore dello studio, ha precisato che dopo l’aggiustamento per altri fattori che potrebbero influenzare i risultati, si è trovato che a ogni aumento di una unità nel punteggio dieta mediterranea è stato associato con una riduzione del 7% del rischio di attacchi cardiaci, ictus, morte cardiovascolare o di altre cause, nei pazienti con malattia cardiaca esistente.

Basta poco
I ricercatori hanno dunque trovato che può bastare poco per promuove la salute cardiovascolare: per esempio aggiungere al pranzo un cibo della dieta mediterranea come un singolo pezzo di frutta, una porzione di carne, pesce, verdure o cereali integrali che sia sufficiente per una persona. Se pertanto la propria dieta è carente in ingredienti salutari, è giunto il momento di rimediare. Ne va della salute del proprio cuore e non solo.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal