18 luglio 2019
Aggiornato 01:00
Cronaca

A un anno e già vegana. Ricoverata bimba in rianimazione a Genova

Una bimba di due anni ricoverata in terapia d'emergenza per alcuni giorni perché sottopeso, con rallentamento dei movimenti e scarsa reattività. La probabile causa è la dieta strettamente vegana cui doveva seguire, come i genitori

GENOVA – Ancora un caso di un minore costretto a seguire una dieta praticata dai genitori, e non conforme alla sua età. È il caso di una bimba di neppure tre anni che è stata ricoverata in rianimazione all'ospedale Gaslini di Genova.

Vegana suo malgrado
Nella vita ci vuole equilibrio, sempre, e in tutti gli ambiti. Ma spesso l'essere umano assume atteggiamenti estremistici, vuoi a causa del proprio credo 'religioso' o per una filosofia o ancora per una qualche 'passione' o convinzione. L'alimentazione è anch'essa un ambito su cui spesso si dibatte, ma ognuno poi fa come crede. Le cose tuttavia cambiano quando il proprio modo di vivere viene imposto ad altri che non possono opporsi e subiscono questa imposizione. Emblematico è il caso segnalato da La Repubblica – non il primo e di certo non l'ultimo – in cui una bimba di due anni è stata costretta a seguire una dieta «rigidamente vegana» (che non ammette alcun alimento di origine animale, fosse anche miele) decisa dalla madre.

Eccessivo sottopeso
Il quotidiano riporta che «I medici del pronto soccorso si sono ritrovati di fronte a una bimba con un peso decisamente inferiore rispetto alla media della sua età, con una scarsa reattività e un complessivo rallentamento dei movimenti». Ma l'allarme è divenuto preoccupante dopo i primi esami clinici. Si è infatti scoperto che la piccola presentava valori bassissimi di emoglobina. Un fatto «che associati a carenze di vitamine fondamentali, come la B12, comportavano il rischio di conseguenze soprattutto neurologiche, ma pure muscolari gravi».

Terapia d'emergenza
La piccola è poi stata ricoverata e sottoposta per alcuni giorni a terapia di emergenza. Ora i valori sono migliorati e la bambina è stata trasferita nella clinica pediatrica. Gli accertamenti per stabilire il perché la bimba si trovasse in quelle gravi condizioni hanno fatto emergere la verità: i genitori, entrambi vegani, avevano pensato di far seguire la stessa loro dieta alla figlia. E sebbene la madre avesse allattato al seno la bimba per diverso tempo, per via della dieta vegana il suo latte era scarsamente nutriente.

I genitori si difendono
Come è normale, i genitori si sono difesi, assicurando di «essere premurosi e di aver seguito un regime in grado di soddisfare i bisogni della neonata», riporta La Repubblica. Nonostante ciò, il caso è stato comunque segnalato agli assistenti sociali e sulla vicenda potrebbe intervenire anche il Tribunale dei Minori.