27 settembre 2021
Aggiornato 09:00
Salute

Zika, nati negli Usa 3 bambini con difetti al cervello e altri problemi

Segnalati anche negli Stati Uniti i primi casi del 2016 di difetti causati dal virus Zika tramite contagio da madre a feto

STATI UNITI - Zika pare inarrestabile. E dall'America Latina, ora risale anche negli Usa. Sono infatti tre i neonati venuti alla luce con difetti causati dal virus portato dalle zanzare. Lo ha rivelato il Centro per il controllo e la prevenzione delle Malattie (CDC), rioporta il Guardian.

Altri casi
Secondo il primo rapporto sulle gravidanze a rischio, vi sarebbero stati altri caso. Altre tre donne incinte hanno avuto bambini con difetti, ma le gravidanze si sono interrotte prima del termine. Tra i difetti considerati: la microcefalia, depositi di calcio nel cervello, sviluppo anormale dei bulbi oculari ed eccesso di fluido intorno al cervello. Il Cdc ha iniziato il controllo delle infezioni dall'inizio dell'anno: attualmente risultano 234 donne incinte, tra residenti e visitatori, che sono state trovate positive al virus Zika. Alcuni bambini sono nati senza immediati segni di problemi, secondo la dottoressa Denise Jamieson del Cdc. La maggioranza delle gravidanze, però, è ancora in corso.

Sintomi evidenti
Il Cdc ha dato pochi dettagli delle donne sotto esame e dei difetti riscontrati. Jamieson ha spiegato che i sei casi citati hanno coinvolto donne che non manifestavano sintomi evidenti dello Zika. Secondo i ricercatori ogni 100 gravidanze di donne che hanno contratto il virus nel primo trimestre tra 1-15% svilupperà difetti gravi nel feto. Il rapporto del Cdc sembra includere i due casi già noti di neonati con difetti causati dallo Zika, ma non lo ha confermato ufficialmente: uno è il bambino di una donna dell'Honduras nato in un ospedale del New Jersey. L'altro è nato alle Hawaii da una donna che ha vissuto in Brasile, il Paese più colpito dall'epidemia.